Dichiarazione riepilogativa: obblighi in Germania

Tax
Tax

Con Stripe Tax puoi calcolare, riscuotere imposte e presentare dichiarazioni fiscali per tutti i pagamenti in una sola integrazione. Scopri dove registrarti, come riscuotere automaticamente l'importo corretto delle imposte e accedi ai report necessari per presentare le dichiarazioni.

Ulteriori informazioni 
  1. Introduzione
  2. Che cosè una dichiarazione riepilogativa?
  3. Qual è lo scopo di una dichiarazione riepilogativa?
  4. Quali vendite devono essere incluse in una dichiarazione riepilogativa?
  5. Chi è soggetto allobbligo di presentazione di una dichiarazione riepilogativa?
  6. Come creare una dichiarazione riepilogativa
    1. Dichiarazioni riepilogative tramite il portale ELSTER
  7. Quali sono le scadenze per una dichiarazione riepilogativa?
  8. Quali sono le conseguenze di informazioni errate, invio in ritardo o mancato invio?

Le attività che vendono beni e servizi ad altri paesi europei sono tenute a fornire un rendiconto di queste vendite transfrontaliere tramite una dichiarazione riepilogativa. Questo articolo spiega cos'è una dichiarazione riepilogativa e come crearla. Spiegheremo anche chi e quali prodotti sono soggetti a questo obbligo, quali sono le scadenze e quali le sanzioni comminabili in caso di non conformità.

Contenuto dell'articolo

  • Che cos'è una dichiarazione riepilogativa?
  • Qual è lo scopo di una dichiarazione riepilogativa?
  • Quali vendite devono essere incluse in una dichiarazione riepilogativa?
  • Chi è soggetto all'obbligo di presentazione di una dichiarazione riepilogativa?
  • Come creare una dichiarazione riepilogativa
  • Quali sono le scadenze per una dichiarazione riepilogativa?
  • Quali sono le conseguenze di informazioni errate, invio in ritardo o mancato invio?

Che cos'è una dichiarazione riepilogativa?

Una dichiarazione riepilogativa è un rendiconto che le attività inviano all'ufficio tributario per dichiarare le vendite intracomunitarie. Sulla base di questa dichiarazione periodica, gli uffici tributari dei paesi dell'Unione Europea possono verificare che le cessioni di prodotti e i servizi transfrontalieri siano stati tassati correttamente. La base giuridica per una dichiarazione riepilogativa è l'articolo 18a della legge tedesca sull'IVA (UStG).

Qual è lo scopo di una dichiarazione riepilogativa?

La dichiarazione riepilogativa è una parte importante della procedura di controllo dell'imposta sul valore aggiunto (IVA) nell'Unione Europea. È stata introdotta per salvaguardare le entrate fiscali degli stati membri dopo l'eliminazione delle frontiere interne all'Unione Europea e l'introduzione del mercato unico europeo a cavallo tra il 1992 e il 1993. Da allora, le vendite transfrontaliere di beni sono gestite come cessioni intracomunitarie e le vendite transfrontaliere di servizi come servizi intracomunitari. Entrambi gli strumenti giuridici semplificano gli scambi commerciali intraeuropei.

Il processo è semplificato dall'addebito dell'IVA nel paese del destinatario, eliminando così un notevole onere burocratico per le attività che emettono fattura. Senza questa normativa, infatti, l'attività dovrebbe pagare l'IVA all'ufficio tributario dell'altro paese della UE. Nell'ambito del servizio o della cessione intracomunitaria, può invece emettere una fattura esente da IVA e sarà l'attività ricevente a versare poi l'IVA all'ufficio tributario locale. Tutte le vendite intracomunitarie devono essere elencate in una dichiarazione riepilogativa e inviate all'ufficio tributario locale per un controllo.

Quali vendite devono essere incluse in una dichiarazione riepilogativa?

Una dichiarazione riepilogativa deve elencare tutti i prodotti e i servizi venduti da un'attività ad altri paesi dell'Unione Europea e per i quali non viene applicata l'IVA in Germania. In dettaglio, sono inclusi:

  • Cessioni intracomunitarie: ai sensi dell'articolo 18a(1) e (6) UStG, ovvero cessioni transfrontaliere di beni e prodotti tra attività
  • Altri servizi intracomunitari: ai sensi dell'articolo 3a(2) UStG, vale a dire i servizi forniti da un'attività in un altro paese dell'Unione Europea
  • Triangolazioni intracomunitarie: ai sensi dell'articolo 25b(2) UStG, che indica una transazione a catena tra tre attività domiciliate in diversi paesi dell'Unione Europea.

Chi è soggetto all'obbligo di presentazione di una dichiarazione riepilogativa?

Sono tenuti a preparare una dichiarazione riepilogativa:

  • Le attività ai sensi dell'articolo 2(1) UStG
  • Le persone giuridiche non indipendenti ai sensi dell'articolo 2(2)(2) UStG (attività sussidiaria)
  • Attività agricole e forestali a regime fortettario

In linea di principio, l'obbligo di rendicontazione si applica a tutte le attività con vendite intracomunitarie. Sono inclusi anche liberi professionisti e commercianti. Tuttavia, la normativa esclude i piccoli imprenditori ai sensi dell'articolo 19(1) UStG. Dal momento che i piccoli imprenditori non sono tenuti a versare l'IVA all'ufficio tributario, l'IVA non viene da loro indicata sulle fatture o addebitata e ne consegue che non sono soggetti all'obbligo di presentazione di una dichiarazione riepilogativa.

Come creare una dichiarazione riepilogativa

Le dichiarazioni riepilogative vengono create e inviate esclusivamente per via elettronica. In Germania, è possibile farlo tramite il portale ELSTER o il portale online BZSt. È richiesta la registrazione nel portale corrispondente.

Scopri di più sul portale ELSTER.

Dichiarazioni riepilogative tramite il portale ELSTER

Per creare dichiarazioni riepilogative utilizzando il portale ELSTER bastano pochi passaggi:

  1. Immettere il numero di partita IVA.
  2. Selezionare il periodo di rendicontazione (anno e mese o trimestre).
  3. Fare clic su "Avanti".
  4. Immettere i dati dell'attività (ragione sociale, indirizzo e numero di telefono).
  5. Fare clic su "Avanti".
  6. Indicare il numero di partita IVA dell'attività che ha ricevuto dalla tua attività i prodotti o i servizi intracomunitari e le vendite generate. Se si tratta di più attività, puoi aggiungere altre righe per immettere i numeri di partita IVA e i dati di vendita pertinenti.
  7. Verificare che i dati inseriti siano completi e corretti.
  8. Inviare la dichiarazione riepilogativa.

La dichiarazione riepilogativa viene quindi presentata insieme alla dichiarazione IVA anticipata.

Nota: i dati in entrambi i documenti devono corrispondere, poiché le vendite intracomunitarie devono essere incluse anche nella dichiarazione IVA anticipata.

Quali sono le scadenze per una dichiarazione riepilogativa?

Il periodo di riferimento per la dichiarazione riepilogativa è generalmente trimestrale e questo vale per tutte le cessioni intracomunitarie e le triangolazioni. Anche per i servizi intracomunitari il periodo di rendicontazione è trimestrale, ma solo se il valore di questi servizi non supera i 50.000 euro nel periodo di tre mesi. In caso di vendite superiori a questo importo, i servizi intracomunitari devono essere dichiarati mensilmente.

La dichiarazione riepilogativa deve essere presentata entro e non oltre il 25 del mese successivo al periodo di riferimento, indipendentemente dal fatto che la dichiarazione IVA anticipata sia presentata mensilmente o trimestralmente. In assenza di vendite intracomunitarie in un determinato periodo di rendicontazione, non è richiesta la presentazione di alcuna dichiarazione riepilogativa all'ufficio tributario.

Per i "contribuenti annuali" ai sensi dell'articolo 18(2) UStG, si applicano disposizioni alternative: le attività che non presentano una dichiarazione IVA e devono versare acconti all'ufficio tributario possono presentare la dichiarazione riepilogativa annualmente. In questo caso, la scadenza è il 25 del mese successivo al periodo di riferimento. Esistono, tuttavia, i requisiti seguenti:

  • La somma di tutte le cessioni e degli altri servizi dell'attività nell'anno solare precedente e in quello in corso non supera i 200.000 euro
  • La somma delle vendite intracomunitarie dell'attività nell'anno solare precedente e in quello in corso non supera i 15.000 euro
  • Le cessioni di beni non comportano la consegna di autoveicoli nuovi ad attività con numeri di partita IVA esteri (articolo 1b(2) e (3) UStG)

Quali sono le conseguenze di informazioni errate, invio in ritardo o mancato invio?

Se una dichiarazione riepilogativa contiene informazioni non corrette o se sono stati omessi dei dettagli, le attività possono esercitare il diritto di rettifica, quindi correggere gli errori e modificare la dichiarazione entro un mese, a partire dalla data in cui è stato rilevato l'errore. Nel portale ELSTER, le correzioni possono essere inserite tramite il modulo per la dichiarazione riepilogativa utilizzato nella prima fase. Le attività sono tenute a presentare una dichiarazione di rettifica separata per ogni periodo di rendicontazione che richiede una correzione. A questo scopo, nella pagina di selezione occorre selezionare il campo per la dichiarazione corretta (codice 03). Le informazioni riportate correttamente nella dichiarazione riepilogativa originale non devono essere ripetute nella dichiarazione di rettifica.

In caso di ritardo nella presentazione, l'attività sarà contattata dall'ufficio tributario con la richiesta di presentare la dichiarazione riepilogativa il prima possibile. Se l'attività non ottempera in tempo, può essere soggetta a una sanzione per ritardato pagamento fino a 2.500 euro e a una sanzione amministrativa fino a 5.000 euro. Chiunque non presenti la dichiarazione riepilogativa entro i termini previsti commette un reato (articolo 26a UStG). Ciò vale anche se le informazioni contenute nella dichiarazione riepilogativa sono intenzionalmente errate o incomplete. La corretta presentazione della dichiarazione riepilogativa può essere imposta per legge (ai sensi dell'articolo 18a(11)(1) comma 1 UStG, in combinato disposto con l'articolo 328 e seguenti del codice tributario tedesco (AO)). In questo caso, le attività possono essere tenute a pagare sanzioni per 25.000 euro.

I dati della dichiarazione riepilogativa possono essere consultati in qualsiasi momento dalle autorità fiscali degli stati membri dell'Unione Europea mediante una procedura automatizzata. Se non è possibile dissipare eventuali dubbi sulla base dei dati, ogni autorità fiscale ha il diritto di ottenere ulteriori informazioni dall'autorità competente mediante una richiesta di informazioni separata. In Germania, l'ufficio competente è il "Bundeszentralamt für Steuern" (ufficio tributario centrale federale).

Per garantire la conformità con tutte le leggi e le normative applicabili alle vendite intracomunitarie, le attività devono prestare molta attenzione alla fatturazione e alla tassazione. Può essere utile anche un supporto professionale. Ad esempio, Stripe Tax consente alle attività di automatizzare le imposte su tutte le transazioni e di addebitare automaticamente l'importo corretto delle imposte. Per altre informazioni sui servizi Stripe, contatta il team commerciale di Stripe.

Tutto pronto per iniziare?

Crea un account e inizia ad accettare pagamenti senza la necessità di stipulare contratti o di comunicare le tue coordinate bancarie. In alternativa, contattaci per progettare un pacchetto personalizzato per la tua attività.