Che cos'è pagoPa e come funziona

Payments
Payments

Accetta pagamenti online, di persona e in tutto il mondo con una soluzione di pagamento sviluppata per qualsiasi tipo di attività, dalle start-up in espansione alle società internazionali.

Ulteriori informazioni 
  1. Introduzione
  2. Che cos’è pagoPa
  3. Pagamento pagoPa: come funziona
    1. Che cos’è il codice IUV
    2. Che cos’è un avviso di pagamento
  4. Come pagare con pagoPa
    1. Come pagare online con pagoPa
    2. Come pagare offline con pagoPa
    3. Quanto costa pagare con pagoPa?
  5. I vantaggi di utilizzare pagoPa
    1. Vantaggi per cittadini e imprese
    2. Vantaggi per la Pubblica Amministrazione

pagoPa è la piattaforma nazionale per i pagamenti destinati a qualsiasi tipologia di Ente pubblico in Italia. Nata nel 2012, dal 2019 è gestita da PagoPA S.p.A., società partecipata dallo Stato fondata con l'obiettivo di diffondere i servizi digitali in Italia. pagoPa ha rivoluzionato la gestione dei pagamenti per la Pubblica Amministrazione in Italia e in questo articolo potrai approfondire che cos'è pagoPa, come funziona e quali sono i vantaggi del suo utilizzo.

Contenuto dell'articolo

  • Che cos'è pagoPa
  • Pagamento pagoPa: come funziona
  • Come pagare con pagoPa
  • I vantaggi di utilizzare pagoPa

Che cos'è pagoPa

pagoPa è una piattaforma che permette sia ai cittadini che alle imprese di effettuare pagamenti digitali verso la Pubblica Amministrazione in modo semplice e veloce. Con pagoPA, i cittadini possono eseguire pagamenti verso gli Enti pubblici tramite i Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP) aderenti, scegliendo quindi metodi di pagamento diversi a seconda delle proprie esigenze.

Con pagoPa è possibile pagare tributi, tasse, utenze, rette, bolli, multe, canoni e qualsiasi altro tipo di pagamento verso le Pubbliche Amministrazioni centrali e locali, comprese le scuole, le università, le ASL, INPS, Agenzia delle Entrate, ma anche verso altri soggetti, come le aziende a partecipazione pubblica e i gestori di pubblici servizi.

Gli Enti, dal canto loro, utilizzano pagoPA come sistema centralizzato e immediato per gestire gli incassi e riconciliare i pagamenti, risparmiando così tempo e risorse e avvalendosi di una migliore tracciabilità e di un'esperienza d'uso semplice e veloce.

L'utilizzo della piattaforma è cresciuto esponenzialmente negli anni superando un miliardo di transazioni dal 2016, per un controvalore di oltre 225 miliardi di euro e con un importo della transazione media di 203 €. Le principali categorie di enti creditori sono le utility, le pubbliche amministrazioni centrali, l'ACI, i Comuni, le scuole e le regioni.

Pagamento pagoPa: come funziona

Prima di tutto, occorre specificare che i pagamenti con pagoPa possono essere di due tipi:

  • Spontanei, ovvero eseguiti su iniziativa del cittadino (per esempio in seguito a una richiesta di servizio)
  • Attesi, cioè richiesti dall'Ente in relazione a una posizione debitoria preesistente, come avviene ad esempio per i bolli, i tributi comunali, le bollette, le locazioni, le tasse universitarie o i ticket per i servizi sanitari.

Che cos'è il codice IUV

Il processo di pagamento con pagoPa è lo stesso in entrambi i casi e per pagare occorre sempre essere in possesso di un codice, chiamato codice IUV (Identificativo Univoco di Versamento), ovvero un numero grazie al quale l'Ente può associare il singolo versamento effettuato dall'utente alla richiesta di pagamento o alla posizione debitoria.

Il codice IUV viene generato dall'ente creditore ed è riportato nell'avviso di pagamento ricevuto (di solito con la dicitura Codice avviso: il Codice avviso è un numero di 18 cifre che contiene il codice IUV). Nel caso dei pagamenti spontanei da parte del cittadino, il codice IUV viene generato automaticamente al momento della richiesta di pagamento.

Che cos'è un avviso di pagamento

L'avviso (o bollettino) di pagamento, che nel caso dei pagamenti attesi viene recapitato all'utente dall'ente in questione, è un documento che contiene le informazioni necessarie a effettuare un pagamento tramite la piattaforma pagoPa. Tali informazioni includono: ente creditore, intestatario, informazioni di pagamento (tra cui il codice IUV, l'importo e la scadenza dell'avviso), la causale del versamento e l'importo, le modalità di pagamento, il codice a barre e il codice QR per l'acquisizione dei dati attraverso lettura ottica.

L'obiettivo dell'avviso di pagamento è creare un documento uniforme a livello nazionale per tutti gli Enti creditori, semplificando così i pagamenti sia per i cittadini che per le imprese e garantendo inoltre la multicanalità, cioè la possibilità che l'avviso sia pagabile tramite tutti gli appositi canali.

Come pagare con pagoPa

I cittadini e le imprese hanno a disposizione moltissime opzioni per eseguire un pagamento con pagoPa, sia online che offline, cioè tramite i canali fisici. Ecco quali sono le modalità principali sia per i pagamenti online che per quelli offline.

Come pagare online con pagoPa

Le modalità di accesso alla piattaforma da parte dell'utente dipendono dall'Ente verso cui deve eseguire il pagamento; non vi è quindi una forma di autenticazione unica. Attualmente è possibile trovare sia servizi a libero accesso (che prevedono, ad esempio, l'esecuzione di pagamenti tramite inserimento del codice IUV), sia servizi che richiedono una forma di autenticazione debole (con la sola registrazione al portale) o forte (SPID, CNS o CIE). Nella maggior parte dei casi, l'autenticazione è richiesta dagli Enti per poter consultare il dettaglio della posizione debitoria e lo storico dei pagamenti già realizzati.

Una volta identificato il codice IUV e le altre informazioni presenti nell'avviso di pagamento, il cittadino o l'impresa può scegliere la modalità preferita per il versamento. Le opzioni disponibili per il pagamento online sono numerose:

  • Tramite home banking, ovvero accedendo al servizio della propria banca ed effettuando il pagamento direttamente dal conto corrente tramite circuito CBILL (un servizio offerto dalle banche, con cui cittadini e imprese possono consultare e pagare online bollettini e avvisi di pagamento pagoPa. CBILL permette di pagare sia online sia presso gli sportelli ATM abilitati).
  • Sul sito dell'ente creditore, scegliendo le opzioni previste e il gestore della transazione.
  • Attraverso le app per pagamenti (Google Pay, Apple Pay, Satispay, BANCOMAT Pay, PayPal, etc.), Satispay, Bancomat Pay, PayPal, ecc.) inquadrando il QR code collegato a ogni avviso di pagamento pagoPa.
  • Attraverso i servizi di pagamento online in cui è integrata la piattaforma pagoPa.
  • Tramite l'app IO dei servizi pubblici.

Come pagare offline con pagoPa

È possibile utilizzare anche i canali fisici per pagare con PagoPa. Ecco dove recarsi sul territorio per effettuare un pagamento:

  • In banca, presso le filiali aderenti o gli sportelli ATM abilitati
  • In ufficio postale, utilizzando indifferentemente il codice QR pagoPa o il bollettino postale PA
  • Negli esercizi convenzionati che espongono il logo pagoPa, come ad esempio tabaccherie, supermercati, edicole, ricevitorie, bar, ecc.
  • Presso i punti di posta privata

Quanto costa pagare con pagoPa?

I pagamenti pagoPa prevedono solitamente un costo che varia in base all'istituto bancario scelto. Per una maggiore trasparenza, il sito web di pagoPa mette a disposizione un calcolatore di costi: è sufficiente inserire importo, canale e metodo di pagamento per visualizzare le commissioni previste da ogni istituto bancario.

Ci sono tuttavia anche opzioni per poter pagare con pagoPa senza alcuna commissione, come nel caso di SI conto! CORRENTE di Banca Sistema, DB Contocarta di Deutsche Bank, Banca Raika Ritten, Banca Intesa Sanpaolo dal sito dell'ente creditore scegliendo "Conto Corrente", Revolut, Tot, Qonto.

I vantaggi di utilizzare pagoPa

Sono numerosi i vantaggi che la piattaforma pagoPa ha apportato sia a cittadini e imprese che alla Pubblica Amministrazione. Ecco quelli più importanti:

Vantaggi per cittadini e imprese

  • Pagamenti verso la Pubblica Amministrazione più semplici e veloci
  • Disponibilità di più canali di pagamento
  • Possibilità di ricevere avvisi di pagamenti digitali sulle proprie app o sui canali preferiti (ad esempio, tramite email o SMS)
  • Accesso a informazioni di pagamento sempre aggiornate con certezza del debito dovuto (ad esempio, se l'importo varia nel tempo in seguito a interessi di mora o altro, il sistema mostrerà sempre l'importo aggiornato).

Vantaggi per la Pubblica Amministrazione

  • Gestione efficiente ed economica dei pagamenti
  • Monitoraggio degli incassi in tempo reale
  • Disponibilità di più canali di incasso con la conseguente possibilità di incassare più velocemente
  • Riduzione dei costi di transazione
  • Riconciliazione automatica degli incassi
  • Risparmio di risorse (come carta, inchiostro, ecc.) per una maggiore sostenibilità ambientale

La piattaforma pagoPa ha notevolmente semplificato la gestione dei pagamenti a favore della Pubblica Amministrazione, sia per cittadini e imprese che per gli Enti pubblici. Soprattutto per le imprese, è fondamentale poter gestire i pagamenti nel modo più semplice e veloce possibile e avere accesso alle modalità di pagamento più adatte al proprio tipo di attività. Se vuoi saperne di più su come Stripe può aiutarti a gestire i pagamenti e a favorire la crescita della tua attività, inizia ora.

Tutto pronto per iniziare?

Crea un account e inizia ad accettare pagamenti senza la necessità di stipulare contratti o di comunicare le tue coordinate bancarie. In alternativa, contattaci per progettare un pacchetto personalizzato per la tua attività.