Calcolo e addebito degli interessi di mora in Germania

Payments
Payments

Accetta pagamenti online, di persona e in tutto il mondo con una soluzione di pagamento sviluppata per qualsiasi tipo di attività, dalle start-up in espansione alle società internazionali.

Ulteriori informazioni 
  1. Introduzione
  2. Cosa sono gli interessi di mora?
  3. Come sono disciplinati dalla legge gli interessi di mora?
  4. Quando si possono addebitare gli interessi di mora?
  5. Come sono calcolati gli interessi di mora?
    1. Calcolo di esempio per i clienti B2C
    2. Calcolo di esempio per i clienti B2B
  6. Come si richiedono gli interessi di mora?
  7. Come si evitano gli interessi di mora?
    1. Come proteggersi dai mancati pagamenti ed evitare di dover addebitare gli interessi di mora

Prima o poi, a un'attività capiterà un cliente che non effettua un pagamento. In genere, è proprio al momento di emettere un sollecito di pagamento alla persona o attività in difetto che si pone la questione degli interessi di mora. Cosa sono gli interessi di mora, quanto possono essere alti e come vengono calcolati? Il nostro articolo risponderà a queste domande.

Contenuto dell'articolo

  • Cosa sono gli interessi di mora?
  • Come sono disciplinati dalla legge gli interessi di mora?
  • Quando si possono addebitare gli interessi di mora?
  • Come sono calcolati gli interessi di mora?
  • Come si richiedono gli interessi di mora?
  • Come si evitano gli interessi di mora?

Cosa sono gli interessi di mora?

Gli interessi di mora sono una forma di interesse addebitato quando un cliente non paga puntualmente una fattura. In altre parole, gli interessi di mora vengono riscossi in caso di pagamento in ritardo. Vengono aggiunti all'importo originale della fattura per motivare il cliente in difetto ad adempiere agli obblighi di pagamento. Tuttavia, gli interessi di mora sono addebitati anche per compensare lo sforzo e la perdita causati dal pagamento in ritardo.

In particolare, le banche, ovvero i creditori, addebitano gli interessi di mora quando il debitore non effettua in tempo un pagamento concordato di un prestito. Tuttavia, anche le transazioni commerciali e di servizi possono essere soggette a interessi di mora quando le fatture non vengono pagate in tempo.

È importante distinguere gli interessi di mora dalle spese di sollecito. Queste ultime vengono stabilite dai creditori a loro discrezione all'interno di un quadro particolare, mentre gli interessi di mora che possono essere addebitati sono stabiliti dalla legge.

Come sono disciplinati dalla legge gli interessi di mora?

L'addebito degli interessi di mora e il relativo importo sono regolamentati dalla Sezione 288 del codice civile tedesco (BGB). In base a questa legislazione, i debiti in sospeso possono essere soggetti agli interessi di mora. L'importo di tali interessi viene calcolato usando il tasso di base corrente pubblicato dalla banca centrale tedesca, Deutsche Bundesbank.

Da un punto di vista legale, il codice civile fa la distinzione tra due tipi di pagamenti in ritardo:

  1. Mora di accettazione: quando i beni non vengono accettati
  2. Mancato pagamento: quando le fatture non vengono pagate

Le attività possono addebitare gli interessi di mora solo nel caso di mancato pagamento, ovvero se un cliente non paga una fattura ed è in ritardo con i pagamenti. Le attività sono libere di decidere se addebitare o meno gli interessi di mora, che non sono obbligatori.

Quando si possono addebitare gli interessi di mora?

Le attività devono rispettare un determinato periodo di tempo prima di poter addebitare gli interessi di mora. In genere, il periodo stabilito per i clienti è di 30 giorni, a condizione che questo sia stato concordato come scadenza di pagamento. Tuttavia, con i clienti aziendali può essere stabilita una scadenza di pagamento più breve o più lunga. Come regola generale, è importante sapere che la data del servizio al cliente è determinante quando si stabilisce la scadenza rilevante. È solo quando una fattura è ancora in sospeso alla fine di questo periodo che il cliente cade in mora e il creditore può addebitare gli interessi di mora.

Nel caso in cui sia stata concordata una scadenza di pagamento più breve, è possibile addebitare prima gli interessi di mora, a condizione che la fattura sia ancora in sospeso alla fine del periodo stabilito. È necessario definire una scadenza di pagamento precisa in anticipo o al momento dell'emissione della fattura.

Come sono calcolati gli interessi di mora?

L'importo dovuto per gli interessi di mora viene calcolato usando il tasso di base corrente pubblicato dalla Deutsche Bundesbank. Questo tasso di interesse fisso viene pubblicato due volte l'anno (1 gennaio e 1 luglio) nella Gazzetta federale in conformità alle disposizioni di legge. Dal 1° gennaio 2024 il tasso di base è pari al 3,62%.

Il tasso di base è soggetto a modifiche. Chiunque voglia addebitare gli interessi di mora deve prima controllare il tasso di base per calcolare tali interessi. Esiste inoltre una differenza tra l'addebito degli interessi di mora a una persona fisica privata o a un cliente aziendale. Nel caso dei clienti aziendali, gli interessi di mora vengono calcolati aggiungendo 9 punti percentuali al tasso di base, mentre questo importo aggiuntivo è di 5 punti percentuali per i clienti.

Ai sensi della Sezione 288 del BGB, i debiti possono essere soggetti a interesse quando sono in arretrato. Prendendo in considerazione il tasso di base corrente, sono applicabili i seguenti interessi di mora previsti dalla legge:

Transazioni con persone fisiche private: 8,62%
Calcolo: 3,62% + 5 punti percentuali = 8,62%

Transazioni con clienti aziendali: 12,12%
Calcolo: 3,62% + 9 punti percentuali = 12,62%

Il tasso di base viene sempre indicato ''per annum'' (come un tasso annuale). È importante che gli interessi di mora vengano calcolati in modo accurato ogni giorno per il periodo rilevante in cui il debitore non ha effettuato il pagamento ed è ricaduto in mora (giorni in arretrato). Quando si calcolano gli interessi di mora, è utile seguire queste quattro regole:

  1. Scoprire il tasso di base corrente.
  2. Stabilire quanti punti percentuali aggiungere: business-to-business (B2B) o business-to-consumer (B2C).
  3. Calcolare il numero di giorni in arretrato.
  4. Calcolare l'interesse per il periodo di mora.

Ecco due esempi che possono aiutare a calcolare gli interessi di mora:

Calcolo di esempio per i clienti B2C

Un cliente B2C ti deve 1.000 euro ed è 100 giorni in ritardo. Gli interessi di mora per il periodo di mora sono calcolati come segue:

Importo della fattura x (tasso di base + 5 punti percentuali) x giorni in arretrato/365 = mora
1000 euro x (3,62% + 5 punti percentuali) x 100/365 = 23,61 euro
L'importo totale comprensivo degli interessi di mora è pari a 1023,61 euro.

Calcolo di esempio per i clienti B2B

Un cliente B2B ti deve 1.000 euro ed è 100 giorni in ritardo. Quando si calcolano gli interessi di mora, è necessario prendere in considerazione un solo tasso di base:

Importo della fattura x (tasso di base + 9 punti percentuali) x giorni in arretrato/365 = mora
1000 euro x (3,62% + 9 punti percentuali) x 100/365 = 34,57 euro
L'importo totale comprensivo degli interessi di mora è pari a 1034,57 euro.

Suggerimento: è possibile usare un calcolatore online di interessi di mora per controllare i calcoli.

Come si richiedono gli interessi di mora?

Quando un cliente non rispetta una scadenza concordata per il pagamento, è consigliabile inviare prima un promemoria di pagamento. Questo deve includere tutte le informazioni della fattura originale e stabilire una nuova scadenza di pagamento. Se il debitore continua a non pagare entro questa nuova scadenza, è possibile avviare una procedura di sollecito. Come regola generale, si dovrebbero inviare tre lettere di sollecito prima di avviare un'azione legale. Nell'ambito della procedura di sollecito è anche possibile calcolare gli interessi di mora.

Una lettera di sollecito dovrebbe contenere le seguenti informazioni:

  • Data di scadenza per il pagamento della fattura
  • Riferimento al promemoria di pagamento con la relativa data
  • Indicazione degli interessi di mora e delle spese di sollecito

Nella lettera di sollecito deve essere inoltre indicata una nuova scadenza di pagamento. Se sono necessarie una seconda e una terza lettera di sollecito, gli interessi di mora dovranno essere modificati in base al numero di giorni in arretrato. Nella seconda e una terza lettera di sollecito sarà necessario indicare chiaramente che si aggiungeranno ulteriori costi se il pagamento rimane in sospeso (spese giudiziarie, ecc.). È preferibile inviare le lettere di sollecito tramite raccomandata in modo da ricevere la ricevuta di consegna.

Se le lettere di sollecito stragiudiziali non ottengono la risposta auspicata, sarà consigliabile assumere un consulente legale o una società di recupero crediti. Questo esercita maggiore pressione sul debitore. Come già detto, ulteriori giorni in arretrato generano nuovi interessi di mora.

Come si evitano gli interessi di mora?

Quando un cliente non effettua un pagamento, è preferibile contattarlo direttamente e discutere la questione. Nella maggior parte dei casi, i mancati pagamenti sono dovuti a malintesi o al fatto che la fattura non sia arrivata al reparto contabile o sia andata persa. Può anche capitare che il debitore si sia trovato temporaneamente in difficoltà economiche e per questo non abbia rispettato la prima scadenza.

Dopo aver inviato un promemoria di pagamento iniziale che non ottiene l'effetto desiderato, prova a capire perché il pagamento non è stato effettuato. Il modo migliore per risolvere i problemi è parlare direttamente con qualcuno. Contattando il cliente e stabilendo una nuova scadenza di pagamento puoi evitare di fare ricorso alla procedura di sollecito. Se anche in questo modo non ottieni il risultato desiderato, devi comunque seguire il percorso ufficiale e inviare le lettere di sollecito per l'importo dovuto. È sempre consigliabile gestire i debiti con una certa dose di indulgenza: si potrà ottenere un effetto positivo sul rapporto d'affari. È meglio comunicare in maniera aperta e diretta con i clienti morosi.

Quando emetti le fatture, puoi anche provare a evitare queste situazioni.

Come proteggersi dai mancati pagamenti ed evitare di dover addebitare gli interessi di mora

Quando emetti le fatture, assicurati che la scadenza di pagamento sia chiaramente visibile. Questo eviterà possibili malintesi. Se la scadenza di pagamento non è riportata sulla fattura, il cliente non può cadere in mora e dovrai affrontare problemi legali per richiedere il denaro.

È inoltre consigliabile offrire ai clienti modalità di pagamento che semplificano il pagamento. È anche possibile creare altri incentivi per il pagamento, ad esempio l'applicazione di sconti in caso di pagamenti anticipati. Questi possono prevenire i pagamenti in ritardo e la necessità di addebitare gli interessi di mora.

Inoltre, è possibile aggiungere una nota sulla fattura per indicare che verranno addebitati gli interessi di mora in caso di pagamento in ritardo. Questo evidenzia che è nell'interesse di entrambe le parti garantire la puntualità dei pagamenti. Se si offre anche uno sconto per i pagamenti anticipati, i clienti avranno la percezione di essere invitati a pagare in modo puntuale e non che venga loro imposta una scadenza.

The content in this article is for general information and education purposes only and should not be construed as legal or tax advice. Stripe does not warrant or guarantee the accurateness, completeness, adequacy, or currency of the information in the article. You should seek the advice of a competent attorney or accountant licensed to practice in your jurisdiction for advice on your particular situation.

Tutto pronto per iniziare?

Crea un account e inizia ad accettare pagamenti senza la necessità di stipulare contratti o di comunicare le tue coordinate bancarie. In alternativa, contattaci per progettare un pacchetto personalizzato per la tua attività.