Avviso di rimessa: definizione e vantaggi

Payments
Payments

Accept payments online, in person, and around the world with a payments solution built for any business—from scaling startups to global enterprises.

Learn more 
  1. Introduzione
  2. Che cosè un avviso di rimessa?
  3. Le attività sono obbligate a inviare un avviso di rimessa?
  4. Quali informazioni dovrebbe includere un avviso di rimessa?
  5. Avviso di rimessa, prova di pagamento e notifica di fattura: quali sono le differenze?

Per le attività è sempre utile disporre di una panoramica dei pagamenti in ingresso. Allo stesso modo, le attività dovrebbero comunicare ai clienti il trasferimento di pagamenti attesi con urgenza o di entità particolarmente elevata. L'avviso di rimessa può essere utile in tal senso. In questo articolo scoprirai che cos'è un avviso di rimessa, quali informazioni dovrebbe includere e se l'invio di tale avviso è obbligatorio. Illustreremo inoltre le differenze tra un avviso di rimessa, una prova di pagamento e una notifica di fattura.

Contenuto dell'articolo

  • Che cos'è un avviso di rimessa?
  • Le attività sono obbligate a inviare un avviso di rimessa?
  • Quali informazioni dovrebbe includere un avviso di rimessa?
  • Avviso di rimessa, prova di pagamento e notifica di fattura: quali sono le differenze?

Che cos'è un avviso di rimessa?

Dopo aver emesso una fattura, le attività devono attendere di ricevere il pagamento. L'avviso di rimessa, ovvero la notifica inviata dal pagatore che il pagamento di una fattura è stato trasmesso e sarà ricevuto a breve, è un modo utile per ottenere una panoramica delle fatture in sospeso e dei pagamenti in ingresso previsti. L'avviso di rimessa può essere emesso da una delle due parti, a seconda di quanto concordato. Viene spesso utilizzato per il trasferimento di grosse somme di denaro, per pagamenti attesi con urgenza e/o trasferimenti internazionali o pagamenti cumulativi. Consente al beneficiario di pianificare più facilmente la liquidità e aiuta ad associare gli importi alle singole voci in caso di pagamenti cumulativi. In tal senso, si tratta essenzialmente di una notifica.

Tuttavia, dato che ora la maggior parte dei pagamenti viene eseguita in modalità digitale e ricevuta immediatamente, gli avvisi di rimessa sono ormai raramente utilizzati dalle attività dell'e-commerce per la fatturazione. In origine, l'avviso di rimessa veniva inviato per posta insieme a un assegno e conteneva informazioni sulle finalità dell'assegno. Queste informazioni potevano quindi essere utilizzate dalla persona addetta all'elaborazione dell'assegno per associarlo più facilmente alla fattura corretta. Oggi i programmi di contabilità eseguono automaticamente questa operazione tramite procedure automatizzate basate sull'intelligenza artificiale (IA).

Le attività sono obbligate a inviare un avviso di rimessa?

L'invio di un avviso di rimessa non è obbligatorio per le attività, ma è considerato un segno di cortesia. Allo stesso modo, come titolare di un'attività, non devi fare nulla quando ricevi un avviso di rimessa.

Si tratta di un processo diverso dall'addebito diretto SEPA, dove il beneficiario è tenuto a informare tempestivamente il pagatore di un addebito in entrata.

Quali informazioni dovrebbe includere un avviso di rimessa?

I pagatori dovrebbero in genere elencare tutte le voci a cui si riferisce il pagamento. In genere vengono inclusi i dettagli seguenti: data della fattura, numero della fattura, eventuali sconti applicabili e importo della fattura.

Avviso di rimessa, prova di pagamento e notifica di fattura: quali sono le differenze?

L'avviso di rimessa viene utilizzato per notificare che un pagamento sta per essere effettuato e agevolare il processo di pagamento. Oggi l'avviso di rimessa assume la forma di messaggi email generati automaticamente. Può includere un riferimento a un ordine di pagamento.

Una notifica di fattura, al contrario, viene utilizzata per comunicare che una fattura sta per essere ricevuta. Di solito include un elenco di tutte le voci da saldare.

Una prova di pagamento, infine, serve a notificare che un pagamento è stato effettuato e aiuta le attività a rintracciare tutti i pagamenti in ingresso e in uscita. Mostra l'importo che è stato pagato e l'origine del denaro. Una prova di pagamento include dettagli quali l'importo, il tipo di transazione e la data del pagamento. Può assumere la forma di una quietanza di pagamento in contanti o di una ricevuta di bonifico.

Tutto pronto per iniziare?

Crea un account e inizia ad accettare pagamenti senza la necessità di stipulare contratti o di comunicare le tue coordinate bancarie. In alternativa, contattaci per progettare un pacchetto personalizzato per la tua attività.