Frodi online e nell'e-commerce: le statistiche che ne prevedono il futuro

  1. Introduzione
  2. Tipi di frode online e nelle-commerce
  3. Statistiche sulle frodi online e nelle-commerce
  4. Spunti utili per le attività di e-commerce

Anno dopo anno, con la crescita dell'e-commerce cresce anche il rischio di frode. Con l’aumento del numero di transazioni che avvengono online ogni giorno nei mercati di tutto il mondo, i malintenzionati hanno a disposizione sempre più punti di accesso per frodare le aziende, i loro sistemi di pagamento, gli istituti finanziari e i consumatori. Secondo un report di Juniper Research del 2021, si prevede che il costo globale delle frodi nei pagamenti online raggiungerà i 206 miliardi di dollari entro il 2025. Un altro report di Juniper del 2022 prevede che le aziende perderanno più di 343 miliardi di dollari a causa di frodi nei pagamenti online a livello globale tra il 2023 e il 2027, un numero che corrisponde a "oltre il 350% dell'utile netto di Apple nell'anno fiscale 2021".

Queste cifre sottolineano la necessità per le aziende di prendere provvedimenti immediati al fine di proteggersi dalle frodi online.

Nell'articolo che segue esamineremo da vicino alcune statistiche sulle frodi nell'e-commerce, con una panoramica dei tipi di frode più comuni, dei settori maggiormente a rischio e delle misure che le aziende possono adottare per proteggere se stesse e i dati dei propri clienti.

Contenuto dell'articolo

  • Tipi di frode online e nell'e-commerce
  • Statistiche sulle frodi online e nell'e-commerce
  • Spunti utili per le attività di e-commerce

Tipi di frode online e nell'e-commerce

Le frodi online e nell'e-commerce sono quelle attività che si svolgono su Internet o attraverso piattaforme di commercio elettronico, in cui l'attore fraudolento utilizza l'anonimato e la portata di Internet per ingannare gli acquirenti e rubare le loro informazioni personali o finanziarie. Le frodi online e nell'e-commerce rappresentano una minaccia in continua evoluzione, con attori fraudolenti che sviluppano nuove tattiche e strategie per eludere il rilevamento e aggirare le misure di sicurezza. Ciò rende difficile per le aziende e le autorità di controllo stare al passo con le minacce più recenti e proteggersi dalle frodi online.

Ecco alcuni tipi comuni di frode online e nell'e-commerce:

  • Phishing
    Il phishing si verifica quando i truffatori inviano email o messaggi che sembrano provenire da un'azienda o da un'organizzazione legittima, come una banca o un commerciante online, per indurre il consumatore a fornire informazioni sensibili come password o numeri di carta di credito.

  • Furto di identità
    Il furto di identità avviene quando un attore fraudolento ruba le informazioni personali di qualcuno, come nome, data di nascita, codice fiscale o numero di patente di guida, al fine di impersonare tale persona per accedere ai suoi conti finanziari o effettuare acquisti fraudolenti.

  • Frode con carte di credito
    La frode con carta di credito si verifica quando dei criminali utilizzano dati di carte di credito rubati o contraffatti per effettuare acquisti online non autorizzati.

  • Frode di acquisizione di account
    La frode di acquisizione di account si verifica quando un attore fraudolento ottiene l'accesso all'account online di qualcuno, come quello relativo a un conto bancario o all'email, rubando le sue credenziali di accesso tramite phishing o altri metodi.

  • Frode di storno
    La frode di storno avviene quando qualcuno effettua un acquisto utilizzando una carta di credito, riceve il prodotto o il servizio e poi contesta l'addebito alla società che ha emesso la carta di credito, sostenendo di non aver mai ricevuto il prodotto o il servizio oppure che era difettoso, al fine di ottenere il rimborso. A differenza della frode amichevole, definita di seguito, quella di storno implica un atto di frode intenzionale.

  • Frode amichevole
    La frode amichevole si verifica quando un cliente effettua un acquisto legittimo ma poi contesta l'addebito alla società emittente della carta di credito, sostenendo che si è trattato di acquisto fraudolento. A volte questo viene fatto per evitare di pagare l'articolo o per evitare la procedura di restituzione dell'articolo o di richiesta di rimborso.

  • Frode d'asta
    La frode d'asta si verifica quando un venditore pubblica un articolo per venderlo su un sito di aste online, riceve il pagamento dall'acquirente ma poi non consegna l'articolo o consegna un articolo diverso.

Qualsiasi azienda che gestisce informazioni personali o finanziarie sensibili online può essere a rischio di frode online e nell'e-commerce. Ad esempio, le truffe di phishing possono prendere di mira qualsiasi tipo di attività o di organizzazione, mentre le frodi con carte di credito possono essere più diffuse per attività che dipendono dalle transazioni online, come siti di e-commerce o marketplace online. Anche le piccole imprese possono essere soggette a frodi, poiché potrebbero disporre di meno risorse e di sistemi di sicurezza meno sofisticati rispetto alle aziende più grandi. Inoltre, potrebbero essere particolarmente a rischio di frode le aziende che trattano beni o servizi di valore elevato, come articoli di lusso o prenotazioni di viaggi.

Statistiche sulle frodi online e nell'e-commerce

Le seguenti statistiche citate nel report di Juniper Research sulle frodi nei pagamenti online del novembre 2022 illustrano la portata delle frodi nei pagamenti online ed evidenziano la necessità per le aziende di adottare misure proattive per proteggersi. Di seguito alcuni dei dati più significativi che emergono da quel report:

Si prevede che il costo globale delle frodi nei pagamenti online raggiungerà i 206 miliardi di dollari entro il 2025, rispetto ai 130 miliardi di dollari del 2020
Il passaggio all'e-commerce e al commercio mobile ha creato nuove opportunità per i malintenzionati di compiere attività fraudolente. Con un numero sempre maggiore di persone che acquistano online e utilizzano modalità di pagamento digitali, gli attori fraudolenti hanno a disposizione più obiettivi potenziali e più modi per ottenere informazioni sensibili.

La pandemia di COVID-19 ha accelerato il passaggio all'e-commerce e alle transazioni online, poiché sempre più persone hanno scelto di fare acquisti online per evitare interazioni di persona. Questo ha creato nuove opportunità per gli attori fraudolenti, che approfittando dell'aumento dell'e-commerce effettuano attacchi e truffe sempre più sofisticati.

La pandemia di COVID-19 ha accelerato il passaggio all'e-commerce, portando a un aumento del 20% del valore delle transazioni online
A causa dei lockdown e dei protocolli di distanziamento sociale in vigore nel 2020, un numero significativo di negozi fisici è stato costretto a chiudere. Questo ha portato a un'impennata dell'e-commerce, poiché i consumatori si sono rivolti allo shopping online come alternativa più comoda e più sicura. Di conseguenza, durante la pandemia l'e-commerce è esploso, con un aumento del 20% del valore delle transazioni online.

Sebbene abbia rappresentato un'ancora di salvezza per alcune aziende, che altrimenti sarebbero probabilmente state costrette a chiudere, l'e-commerce ha comportato nuove sfide e rischi, poiché le aziende si trovano ad affrontare la crescente minaccia di frodi nei pagamenti online e altre minacce alla sicurezza.

Le frodi di identità sintetica diventano sempre più comuni e si prevede che le perdite raggiungeranno i 14 miliardi di dollari entro il 2025
Nella frode di identità sintetica, gli attori fraudolenti creano un'identità falsa utilizzando una combinazione di informazioni reali e fittizie. A esempio, possono utilizzare un vero numero di documento di identità, ma associandolo a un nome e a un indirizzo falsi. Possono utilizzare questa identità per richiedere carte di credito, aprire conti bancari o effettuare acquisti, il tutto evitando di essere scoperti da agenzie di credito e altre autorità.

L'aumento delle frodi di identità sintetica è il risultato di due fattori chiave: in primo luogo, la diffusa disponibilità di informazioni personali online, combinata con i progressi tecnologici, ha reso più facile per i criminali creare identità false convincenti. In secondo luogo, il ricorso, da parte dei consumatori, a canali digitali per transazioni finanziarie e altre attività, ha fornito agli attori fraudolenti nuove opportunità di sfruttare le debolezze del sistema.

Si prevede che l'uso dei metodi di autenticazione biometrica crescerà del 47% nei prossimi cinque anni, fornendo un modo più sicuro per verificare le identità online
I metodi di autenticazione biometrica stanno diventando un modo popolare per verificare le identità online, in particolare per quanto riguarda i dispositivi mobili e i pagamenti effettuati da tali dispositivi. L'autenticazione biometrica prevede l'uso di caratteristiche fisiche uniche, tra cui le impronte digitali, il riconoscimento facciale o scansioni dell'iride, per verificare l'identità di un utente e concedere l'accesso a un dispositivo o a un account online.

L'ubiquità dei dispositivi mobili e dei pagamenti effettuati da tali dispositivi ha facilitato l'adozione dell'autenticazione biometrica, poiché questi dispositivi spesso contengono sensori biometrici integrati per l'autenticazione. L'autenticazione biometrica è considerata da molti un'alternativa più sicura rispetto alla tradizionale autenticazione basata su password, che può essere facilmente compromessa da hacker e attori fraudolenti. Sebbene l'autenticazione biometrica sia stata implementata e adottata ampiamente da aziende e consumatori per l'elevato livello di sicurezza percepito, alcuni attori fraudolenti hanno trovato il modo di aggirarla.

Le regioni più colpite dalle frodi nei pagamenti online sono il Nord America e l'Europa, dove si prevede che le perdite raggiungeranno, rispettivamente, i 50 e i 35 miliardi di dollari entro il 2025
Le ragioni per cui il Nord America e l'Europa sono più colpite dalle frodi nei pagamenti online sono in parte dovute alla diffusa adozione di modalità di pagamento digitali in queste regioni, nonché all'infrastruttura tecnologica avanzata e agli elevati livelli di connettività online.

In Nord America, alla diffusione delle frodi nei pagamenti online hanno contribuito molteplici fattori, tra cui l'uso massiccio di carte di credito e di debito e la crescente popolarità dell'e-commerce e dei pagamenti da dispositivi mobili. In Nord America hanno sede molti grandi istituti finanziari e aziende tecnologiche, che rappresentano obiettivi attraenti per i criminali informatici.

In Europa, alle frodi nei pagamenti online hanno contribuito molti degli stessi fattori, oltre agli elevati livelli di spesa dei consumatori e alla presenza di grandi marketplace e piattaforme di e-commerce.

Il mercato più grande per le frodi nei pagamenti online è la regione Asia-Pacifico, dove si prevede che le perdite raggiungeranno i 54 miliardi di dollari entro il 2025
La regione Asia-Pacifico è particolarmente suscettibile alle frodi nei pagamenti online, in parte a causa dell'adozione di metodi di pagamento digitali, in rapida crescita in questa regione, e della sua numerosa e diversificata popolazione sempre più connessa a Internet.

In molti paesi della regione Asia-Pacifico lo sviluppo dell'e-commerce e dei pagamenti da dispositivi mobili è stato spinto dall'aumento dei redditi, dalla crescente penetrazione di Internet e smartphone e da una classe media in espansione. Questo ha comportato nuove opportunità per gli attori fraudolenti, in particolare nei paesi in cui le normative e gli standard di sicurezza possono essere meno rigorosi rispetto ai mercati più sviluppati.

L'impatto delle frodi nei pagamenti online nella regione Asia-Pacifico è significativo e può portare a gravi perdite finanziarie per aziende e consumatori, nonché danni alla reputazione e alla fiducia dei clienti. La diffusione delle frodi nei pagamenti online può minare la fiducia nelle modalità di pagamento digitali e ostacolare la crescita dell'e-commerce e del commercio mobile, che sono considerati fattori chiave della crescita economica nella regione.

Il machine learning e l'intelligenza artificiale sono sempre più utilizzati per combattere le frodi online e si prevede che la spesa per queste tecnologie raggiungerà gli 11,3 miliardi di dollari entro il 2025
Il machine learning e l'intelligenza artificiale (IA) sono strumenti chiave nella lotta alle frodi online, grazie alla loro capacità di analizzare grandi quantità di dati e di rilevare modelli e anomalie che i metodi tradizionali di rilevamento delle frodi potrebbero non intercettare. Il machine learning e l'intelligenza artificiale possono essere utilizzati per individuare transazioni sospette, rilevare anomalie nel comportamento degli utenti e analizzare dati provenienti da più fonti per intercettare attività fraudolente in tempo reale.

L'uso di machine learning e intelligenza artificiale nella prevenzione delle frodi ha ricevuto un impulso dalla crescente frequenza delle frodi online e dalla necessità di metodi più avanzati per loro rilevamento. I progressi tecnologici hanno reso più semplice e conveniente l'implementazione di sistemi di machine learning e intelligenza artificiale, anche per le imprese più piccole.

Il machine learning e l'intelligenza artificiale possono fornire un modo più efficace ed efficiente per rilevare e prevenire le frodi, riducendo il rischio di perdite finanziarie per le aziende e i loro clienti. Inoltre, il machine learning e l'IA possono aiutare a ridurre il numero di falsi positivi e falsi negativi. Un falso positivo si verifica quando una transazione legittima viene segnalata come fraudolenta. Questo può accadere quando un sistema di rilevamento delle frodi individua uno schema o un comportamento che ritiene sospetto, ma la transazione è in realtà legittima. Un falso negativo si verifica invece quando una transazione fraudolenta non viene segnalata dal sistema di rilevamento delle frodi e viene autorizzata. Ridurre il verificarsi di falsi positivi e negativi può aiutare a ridurre al minimo il danno complessivo derivante dalle frodi.

I settori dei prodotti digitali e del trasferimento di denaro sono i più vulnerabili alle frodi online, con perdite combinate che si prevede raggiungeranno i 60 miliardi di dollari entro il 2025
Le attività di vendita di prodotti digitali o di trasferimento di denaro sono tra le più vulnerabili alle frodi online, poiché spesso comportano lo scambio di beni e servizi non tangibili che possono essere difficili da verificare e autenticare. Inoltre, questi settori utilizzano in genere canali online e modalità di pagamento digitali, che possono essere più esposti alle frodi rispetto alle modalità di pagamento tradizionali.

Nel caso dei prodotti digitali, gli attori fraudolenti possono usare dati di carte di credito rubati per effettuare acquisti come licenze software, musica ed e-book. Poi possono rivendere illegalmente questi prodotti o utilizzarli per uso personale. Nel caso del trasferimento di denaro, gli attori fraudolenti possono utilizzare varie tecniche per indurre gli utenti a inviare denaro a conti falsi o a fornire informazioni personali che possono essere utilizzate per ulteriori frodi.

Spunti utili per le attività di e-commerce

Le aziende devono essere consapevoli dell'elevata minaccia delle frodi online e nell'e-commerce, che si prevede aumenterà in modo significativo nei prossimi anni. Non solo le violazioni della sicurezza e le frodi possono erodere la fiducia dei clienti e indebolire la fedeltà al brand, ma la lotta alle frodi può anche gravare in modo pesante sulle risorse interne delle aziende. L'obiettivo dovrebbe essere quello di avere una protezione completa su ogni canale che supporta ogni metodo di pagamento e di utilizzare sistemi e strumenti che siano implementati, mantenuti e gestiti nel modo più efficiente possibile.

Per combattere le frodi online e nell'e-commerce le aziende dovrebbero adottare un approccio multilivello alla sicurezza, che comprenda l'uso di tecnologie di autenticazione avanzate, soluzioni di rilevamento e prevenzione delle frodi come Stripe Radar e pratiche ottimali per la sicurezza e la privacy dei dati. Questo potrebbe comportare l'implementazione dell'autenticazione a due fattori, l'utilizzo del machine learning e dell'intelligenza artificiale per rilevare attività fraudolente e l'assicurazione che tutti i dati dei clienti siano crittografati e conservati in modo sicuro. Ancora una volta, tutti questi livelli di protezione sono integrati nelle soluzioni di pagamento di Stripe.

Per ampliare questi sforzi, le aziende dovrebbero lavorare a stretto contatto con istituzioni finanziarie e altri partner al fine di condividere informazioni sulle minacce emergenti e collaborare su strategie di contrasto alle frodi. Dovrebbero inoltre informare i propri dipendenti e clienti sui rischi delle frodi online e fornire formazione su come rilevare e prevenire attività fraudolente. Adottando queste misure, le aziende possono contribuire a proteggere se stesse e i propri clienti dalla crescente minaccia delle frodi online e nell'e-commerce.

Tutto pronto per iniziare?

Crea un account e inizia ad accettare pagamenti senza la necessità di stipulare contratti o di comunicare le tue coordinate bancarie. In alternativa, contattaci per progettare un pacchetto personalizzato per la tua attività.