Aliquote dell'imposta sul valore aggiunto per le aziende in Germania

Tax
Tax

Con Stripe Tax puoi calcolare, riscuotere imposte e presentare dichiarazioni fiscali per tutti i pagamenti in una sola integrazione. Scopri dove registrarti, come riscuotere automaticamente l'importo corretto delle imposte e accedi ai report necessari per presentare le dichiarazioni.

Ulteriori informazioni 
  1. Introduzione
  2. Che cos’è l’imposta sul valore aggiunto?
    1. Qual è la differenza tra l’imposta sulle vendite e l’imposta sul valore aggiunto?
  3. A chi si applica l’imposta sul valore aggiunto?
  4. Quali sono le aliquote dell’imposta sul valore aggiunto?
  5. Quando si applica l’aliquota ridotta dell’imposta sul valore aggiunto?
  6. Come deve essere indicata l’imposta sul valore aggiunto su una fattura?

19%, 7% o 0%? Quando le aziende fatturano per i propri prodotti o servizi, è importante controllare attentamente qual è l'aliquota richiesta dalla legge. In questo articolo, spiegheremo che cos'è l'imposta sul valore aggiunto, quali aziende devono pagarla e le aliquote applicabili. Inoltre, elencheremo i beni e servizi a cui si applica un'aliquota ridotta e i fattori che un'azienda deve prendere in considerazione quando emette fatture in Germania e in altri paesi dell'UE.

Contenuto dell'articolo

  • Che cos'è l'imposta sul valore aggiunto?
  • A chi si applica l'imposta sul valore aggiunto?
  • Quali sono le aliquote dell'imposta sul valore aggiunto?
  • Quando si applica l'aliquota ridotta dell'imposta sul valore aggiunto?
  • Come deve essere indicata l'imposta sul valore aggiunto su una fattura?

Che cos'è l'imposta sul valore aggiunto?

L'imposta sul valore aggiunto (IVA) è un'imposta sui consumi che viene applicata a tutti i consumi pubblici e privati. Con il prerequisito che il fornitore di beni e servizi è obbligato a riscuotere l'imposta sul valore aggiunto, deve essere pertanto pagata quando si acquistano prodotti o si ricevono servizi. L'imposta sul valore aggiunto è una delle principali fonti di ricavi a livello municipale, statale e nazionale: la quota dell'IVA di tutte le ricevute fiscali nella Repubblica federale di Germania ammonta a più del 30%.

L'imposta sul valore aggiunto è stata introdotta in Germania nel 1968, con le aliquote corrispondenti che determinavano il livello dell'imposta. L'aliquota regolare nel 1968 era 10%, mentre quella ridotta era 5%. Da allora, questo valore è aumentato in modo stabile: l'aliquota regolare oggi è 19%, mentre quella ridotta è 7%.

Qual è la differenza tra l'imposta sulle vendite e l'imposta sul valore aggiunto?

I termini ''imposta sul valore aggiunto'' e ''imposta sulle vendite'' spesso sono usati come sinonimi nelle conversazioni casuali. Tecnicamente, l'imposta sul valore aggiunto è il termine generico che copre sia l'imposta a monte che l'imposta sulle vendite. L'imposta a monte e l'imposta sulle vendite sono essenzialmente la stessa tassa ma da prospettive diverse: gli acquirenti o coloro che usano i servizi pagano l'imposta sulle vendite, mentre le attività che effettuano un acquisto o usano un servizio pagano l'imposta a monte. Ad esempio, se compri un prodotto per 119 euro, questo prezzo include il 19% di imposta sulle vendite, che è pari a 19 euro. Questi 19 euro devono essere trasferiti dall'azienda coinvolta nell'acquisto alle autorità fiscali. L'imposta sulle vendite che l'acquirente paga diventa l'imposta sul valore aggiunto dell'azienda che ha effettuato la vendita. Questo significa che l'imposta sul valore aggiunto è una tassa indiretta per il consumatore finale: sebbene venga applicata dall'azienda venditrice, questa si limita a trasferirla in modo che venga pagata dall'acquirente.

Le persone fisiche private non possono chiedere il rimborso dell'imposta a monte alle autorità fiscali. Tuttavia, le aziende possono dedurre i costi e chiedere il rimborso delle tasse a monte alle autorità fiscali se acquistano beni o servizi da altre aziende debitrici dell'imposta sul valore aggiunto. Tornando al nostro esempio, un cittadino privato pagherebbe 119 euro per il prodotto, mentre un'azienda pagherebbe solo 100 euro.

Nella legislazione fiscale tedesca, si preferisce il termine ''Umsatzsteuer'' (o ''imposta sulle vendite'') rispetto al termine ''Mehrwertsteuer'' (o ''imposta sul valore aggiunto''). Tuttavia, nella vita quotidiana vediamo regolarmente ''imposta sul valore aggiunto'' in fatture e ricevute, di solito nella versione abbreviata ''IVA''.

A chi si applica l'imposta sul valore aggiunto?

Secondo la Sezione 1, paragrafo 1 n. 1 della legge tedesca sull'IVA (UStG), tutte le ''forniture e altri servizi che un'azienda con sede nel paese fornisce a pagamento nell'ambito delle sue attività commerciali'' sono soggetti all'imposta sul valore aggiunto. Per questo motivo, l'imposta sul valore aggiunto si applica a ogni azienda in Germania che richieda denaro per beni e servizi. Questo include anche i lavoratori autonomi, a condizione che siano imprenditoriali, ovvero se svolgano in modo indipendente un'attività commerciale o professionale per guadagnare reddito.

Le piccole imprese sono esenti dall'obbligo di applicare l'imposta sul valore aggiunto: secondo l'esenzione per le piccole imprese definita nella Sezione 19 dell'UStG, le aziende con un fatturato inferiore ai 22.000 euro nel precedente anno di calendario e che non prevedono di avere un fatturato superiore ai 50.000 euro nell'anno di calendario corrente sono esenti dall'imposta sul valore aggiunto. Tuttavia, le piccole imprese possono applicare in modo volontario l'imposta sul valore aggiunto se lo desiderano.

Anche le professioni mediche sono esenti dall'applicazione dell'imposta sul valore aggiunto, indipendentemente dal fatturato, secondo la Sezione 4 dell'UStG. Queste includono medici, psicoterapisti e fisioterapisti, oltre a professionisti omeopatici. Questa esenzione si applica anche al personale ostetrico, massaggiatori, fisioterapisti e attività simili nel settore medico. Lo stesso vale anche per i servizi di supporto e assistenza, come in ospedali, case di riposo e case di cura.

L'imposta sul valore aggiunto non viene applicata anche ai seguenti servizi, tra altri:

  • Ricavi derivati dalla vendita, leasing o affitto di proprietà
  • Servizi di un'associazione di proprietari immobiliari
  • Ricavi provenienti da un'assicurazione
  • Ricavi provenienti da fornitori di previdenza sociale, welfare oppure forniture o benefici forniti alle vittime di guerra
  • Servizi nelle scuole e nel settore formativo
  • Ricavi da trasporto aereo e marittimo
  • Determinati ricavi del gioco d'azzardo, come quelli di lotterie o scommesse sulle corse
  • Attività volontarie come attività all'interno di un parlamento, un sindacato o nel settore di assistenza e supporto
  • Servizi collegati all'educazione e al sostegno di bambini e adolescenti

Quali sono le aliquote dell'imposta sul valore aggiunto?

Generalmente, le aliquote dell'imposta sul valore aggiunto applicate in Germania sono tre: 19%, 7% e 0%. L'aliquota comune che si applica all'acquisto di un prodotto o l'erogazione di un servizio è 19%. Tuttavia, alcuni prodotti e servizi sono soggetti a un'aliquota dell'imposta sul valore aggiunto ridotta: su alcuni articoli quotidiani viene applicata solo un'aliquota del 7%. Inoltre, a un numero molto piccolo di servizi non viene applicata nessuna imposta, con un'aliquota dell'imposta sul valore aggiunto dello 0% (vedere l'elenco nella sezione ''A chi si applica l'imposta sul valore aggiunto?'' di questo articolo).

Quando si applica l'aliquota ridotta dell'imposta sul valore aggiunto?

Secondo la Sezione 12 dell'UStG, un'aliquota ridotta del 7% si applica ai seguenti beni e servizi, tra altri:

  • Generi alimentari
    • Carni e frattaglie commestibili
    • Pesci, granchi e molluschi, ad eccezione di pesci ornamentali, gamberi, aragoste, ostriche e lumache
    • Latte e derivati
    • Ortaggi freschi, essiccati e temporaneamente conservati
    • Cereali e prodotti macinati come farina o semole e semolini
    • Frutta commestibile e noci
    • Grassi e oli animali e vegetali commestibili
    • Spezie
    • Zucchero e dolciumi
    • Caffè, tè e mate
    • Acqua, ad eccezione delle acque di sorgente, acque da tavola e acque potabili preconfezionate, oltre alle acque curative e vapore acqueo
  • Animali vivi come api, bovini domestici, maiali, pecore o conigli
  • Fiori, boccioli, foglie, rami e altre parti delle piante, oltre a erbe, muschi e licheni per scopi ornamentali
  • Fertilizzanti di origine animale o vegetale, ad eccezione del guano
  • Legno, sotto forma di legna da ardere (ciocchi rotondi, pezzi, rami, fasci o simili) o trucioli, avanzi e cascami di legno (anche se vengono lavorati per produrre pellet, bricchette o altre forme successivamente)
  • Libri, brochure, giornali e riviste, album di foto, libri per disegnare e colorare, appunti stampati o scritti a mano, francobolli e mappe di tutti i tipi (come atlanti o mappamondi)
  • Supporti audio che contengono solo la lettura di un libro come registrazione audio
  • Sedie a rotelle e altri mezzi di trasporto per persone con disabilità
  • Parti del corpo sostitutive, apparati ortopedici e altri dispositivi ortopedici, oltre a dispositivi progettati per correggere danni funzionali o infermità (come protesi, arti artificiali, apparecchi acustici o pacemaker)
  • Prodotti per l'igiene mestruale come tamponi e assorbenti
  • Opere d'arte come dipinti e disegni, litografie e incisioni originali, oltre a sculture originali di tutti i tipi di materiali
  • Pezzi da collezione di zoologia, botanica, mineralogia o anatomia, oltre a pezzi da collezione di valore storico, archeologico, paleontologico, etnologico o numismatico
  • Biglietti di ingresso per teatri, concerti, musei e performance simili di artisti
  • Trasporto pubblico all'interno di una municipalità o per una distanza inferiore a 50 chilometri
  • Affitto di zone giorno e notte, oltre a campeggi per l'alloggio temporaneo di terze parti

Come parte della pandemia di coronavirus, la legislatura ha anche stabilito una riduzione temporanea delle aliquote dell'imposta sul valore aggiunto per alcuni beni e servizi specifici. Ad esempio, l'aliquota ridotta del 7% si applica a ristoranti e servizi di gastronomia fino al 31 dicembre 2023. Solo le bevande sono escluse da questa regola. Anche l'aliquota dell'imposta sul valore aggiunto per la fornitura di gas e riscaldamento tramite la rete di gas naturale e riscaldamento è stata ridotta al 7% fino al 31 marzo 2024.

Come deve essere indicata l'imposta sul valore aggiunto su una fattura?

L'imposta sul valore aggiunto deve essere una delle parti fondamentali su ogni fattura emessa da un'azienda (vedere la Sezione 14, paragrafo 4 dell'UStG), indipendentemente dal fatto che venga inviata a persone fisiche private o altre aziende. L'importo netto del prodotto o servizio, l'aliquota dell'imposta sul valore aggiunto, l'importo derivante dell'imposta sul valore aggiunto totale e l'importo lordo totale sono tutti elencati sulla fattura. L'imposta sul valore aggiunto contraddistingue la differenza tra netto e lordo in una fattura.

Esempio di estratto conto con imposta sul valore aggiunto:

Prezzo netto totale di prodotto/servizio: 100 euro
Imposta sul valore aggiunto al 19%: 19 euro
Prezzo lordo totale: 119 euro

Le aziende che inviano fatture ad altri paesi dell'UE possono gestirle fondamentalmente nello stesso modo di una fattura in Germania, almeno quando vengono inviate a un cittadino privato. In questi casi, si considera come sede di consegna la Germania, quindi l'imposta sul valore aggiunto deve essere inclusa nella fattura e versata alle autorità fiscali.

È diverso invece se un'azienda tedesca invia una fattura a un'azienda con sede in un altro paese dell'UE: in questi casi, la sede di consegna e il servizio si trovano nel paese del destinatario, quindi l'imposta sul valore aggiunto deve essere applicata e l'azienda destinataria deve versare l'imposta sul valore aggiunto alle autorità fiscali nel paese del destinatario. Poiché si tratta di una situazione relativamente complessa, in questo caso viene eccezionalmente utilizzata una procedura di inversione contabile. In questa procedura, la responsabilità del pagamento dell'imposta sul valore aggiunto viene invertita, quindi l'azienda destinataria, e non l'azienda tedesca che emette la fattura, deve versare l'imposta sul valore aggiunto nel suo paese. In termini di fatturazione, questo significa che le aziende tedesche non addebitano l'imposta sul valore aggiunto quando fatturano ad aziende di altri paesi dell'UE. La fattura viene emessa solo per l'importo netto e la fattura deve riportare la dicitura '' procedura di inversione contabile'' o includere la frase ''l'obbligazione tributaria passa in capo al destinatario''.

L'imposta sul valore aggiunto non viene aggiunta anche alle fatture inviate ad aziende al di fuori della UE. In alcuni casi, è necessario controllare gli obblighi in atto nel paese in questione. In molti paesi, è richiesta la registrazione a fini IVA o è necessaria la presenza di un rappresentante fiscale. Le normative giuridiche variano da paese a paese al di fuori della UE. Nella fatturazione, si applica quanto segue: una nota come ''esportazione'' o ''consegna di esportazione esente da tasse'' deve essere riportata su una fattura inviata a un'azienda al di fuori dell'Europa.

Le aziende possono utilizzare i servizi di fornitori di servizi di pagamento certificati per scopi di fatturazione. Questi offrono procedure automatizzate, basate su programmi di fatturazione intelligenti, oltre a una notevole riduzione dei tassi di errore per processi quali il calcolo delle imposte.

Tutto pronto per iniziare?

Crea un account e inizia ad accettare pagamenti senza la necessità di stipulare contratti o di comunicare le tue coordinate bancarie. In alternativa, contattaci per progettare un pacchetto personalizzato per la tua attività.