Cessioni intracomunitarie in Germania

Tax
Tax

Con Stripe Tax puoi calcolare, riscuotere imposte e presentare dichiarazioni fiscali per tutti i pagamenti in una sola integrazione. Scopri dove registrarti, come riscuotere automaticamente l'importo corretto delle imposte e accedi ai report necessari per presentare le dichiarazioni.

Ulteriori informazioni 
  1. Introduzione
  2. Che cos’è una cessione intracomunitaria?
  3. Perché esiste la cessione intracomunitaria?
  4. Quali sono i requisiti dell’esenzione di imposta per le cessioni intracomunitarie?
  5. Quali informazioni obbligatorie devono essere incluse in una fattura per una cessione intracomunitaria?
    1. Indicazioni di fatturazione nelle lingue ufficiali dell’UE
  6. Quali sono gli obblighi di rendicontazione per le cessioni intracomunitarie?
  7. Quali sono i casi speciali per le cessioni intracomunitarie?

Nell'ambito del commercio B2B intraeuropeo, le attività devono rispettare le normative sull'imposta sul valore aggiunto (IVA) del mercato interno dell'Unione Europea. Chiunque fornisca beni a un'attività in un paese al di fuori della UE deve essere consapevole delle differenze rispetto al commercio interno, per evitare di incorrere in rischi fiscali e pagamenti aggiuntivi.

In questo articolo spiegheremo cosa sono le cessioni intracomunitarie e perché sono state introdotte come strumento giuridico. Illustreremo i requisiti dell'esenzione di imposta per le cessioni intracomunitarie, elencheremo le informazioni di base da includere in ogni fattura e descriveremo gli obblighi di rendicontazione applicabili alle attività.

Contenuto dell'articolo

  • Che cos'è una cessione intracomunitaria?
  • Perché esiste la cessione intracomunitaria?
  • Quali sono i requisiti dell'esenzione di imposta per le cessioni intracomunitarie?
  • Quali informazioni obbligatorie devono essere incluse in una fattura per una cessione intracomunitaria?
  • Quali sono gli obblighi di rendicontazione per le cessioni intracomunitarie?
  • Quali sono i casi speciali per le cessioni intracomunitarie?

Che cos'è una cessione intracomunitaria?

Una cessione intracomunitaria comporta la fornitura transfrontaliera di beni e prodotti tra attività di diversi paesi dell'Unione Europea. Spesso si parla di "cessione intracomunitaria esente da imposte", in quanto le attività sono esenti dall'imposta sul valore aggiunto in determinate circostanze. L'attenzione si concentra sulla fornitura di beni, quindi si distingue da altri servizi intracomunitari in cui un'attività fornisce servizi in un altro paese della UE.

La base giuridica per le cessioni intracomunitarie si trova nei seguenti testi legislativi:

  • Legge tedesca sull'IVA (UStG), Articolo 4 N. 1b
  • UStG, Articolo 4 N. 6a
  • Ordinanza sull'applicazione dell'IVA (UStDV), Articolo 17

Informazioni dettagliate sulle norme giuridiche sono contenute nel Decreto sull'applicazione dell'IVA (UStAE) del Ministero federale delle finanze tedesco, in particolare negli articoli da 6a(1) a 6a(8).

Perché esiste la cessione intracomunitaria?

L'obiettivo della cessione intracomunitaria è quello di semplificare il commercio transfrontaliero promuovendo la circolazione delle merci in Europa. Come strumento giuridico, la cessione intracomunitaria esente da imposte ha sostituito lo strumento noto come "cessione all'esportazione non imponibile" quando è stato introdotto il mercato unico europeo a cavallo tra il 1992 e il 1993.

La cessione intracomunitaria semplifica il commercio transfrontaliero grazie all'addebito dell'IVA nel paese del destinatario. Questo comporta una notevole riduzione della burocrazia sia per l'attività che fornisce i beni che per quella che li fattura. Senza questa normativa, infatti, l'attività fornitrice dovrebbe pagare l'IVA all'ufficio tributario dell'altro paese della UE. Nell'ambito del meccanismo di cessione intracomunitaria, la fornitura di beni è esente da imposte per l'attività fornitrice.

Per l'attività beneficiaria, la cessione intracomunitaria si traduce in un acquisto intracomunitario. In quanto acquirente, l'attività beneficiaria deve pagare l'IVA sull'acquisto nel proprio paese. Questa può anche essere detratta come imposta a credito, se l'attività ne ha diritto.

Con poche eccezioni, il commercio tra attività dell'Unione Europea segue questo modello:

  • L'attività fornitrice emette una fattura all'attività destinataria per l'importo netto (cioè al netto dell'IVA).
  • L'attività destinataria calcola autonomamente l'IVA dovuta in base all'aliquota applicabile nel proprio paese e la versa all'ufficio tributario.

Quali sono i requisiti dell'esenzione di imposta per le cessioni intracomunitarie?

Affinché una fornitura di beni possa essere riconosciuta come cessione intracomunitaria esente da imposte, devono essere soddisfatti alcuni requisiti:

  • La fornitura di beni deve avvenire tra due attività. Queste devono avere sede in diversi stati membri dell'Unione Europea.
  • Entrambe le attività devono avere un numero di identificazione IVA (partita IVA).
  • L'attività destinataria deve acquistare i beni per l'attività stessa o per una persona giuridica. Per gli acquisti privati si applicano disposizioni diverse.
  • È necessario fornire la prova della spedizione o del trasporto della merce, compresi un documento di ricevuta e la prova della prenotazione.
  • La merce è soggetta a IVA da parte dell'attività destinataria.
  • La fattura dell'attività fornitrice deve essere emessa correttamente e nel rispetto di alcune caratteristiche particolari (vedi sotto).
  • L'attività fornitrice deve presentare un elenco riepilogativo all'ufficio tributario (vedi sotto).

È importante che tutti i requisiti siano soddisfatti e che le attività coinvolte siano in grado di dimostrarlo. Nel caso delle spedizioni, ad esempio, ciò può avvenire tramite una conferma di arrivo, una ricevuta del corriere, una lettera di vettura o un rapporto di spedizione. Anche i servizi accessori forniti dall'attività fornitrice, come l'imballaggio, il trasporto o l'assicurazione della merce, sono esenti da IVA. Il principio è che "i servizi accessori condividono lo stesso destino del servizio principale ai fini dell'IVA" (cfr. Decreto sull'applicazione dell'IVA (UStAE), articolo 3(10)(5)).

Quali informazioni obbligatorie devono essere incluse in una fattura per una cessione intracomunitaria?

Le attività che emettono fatture per cessioni intracomunitarie esenti da imposta devono includere le informazioni obbligatorie specificate nella sezione 14(4) dell'ordinanza attuativa tedesca per l'IVA (UStDV):

  • Nome e indirizzo dell'emittente della fattura
  • Identificativo fiscale dell'emittente della fattura
  • Partita IVA dell'emittente della fattura
  • Nome e indirizzo del destinatario della fattura
  • Data di emissione della fattura
  • Data e ora di erogazione del servizio
  • Numero di serie della fattura
  • Nome del servizio
  • Tipo e portata del servizio
  • Importo netto (nota: l'aliquota fiscale e l'importo lordo non si applicano)

Occorre inoltre osservare due particolarità che si applicano specificamente alla fatturazione delle cessioni intracomunitarie:

  • La fattura deve includere anche la Partita IVA dell'attività destinataria, oltre alla Partita IVA dell'emittente della fattura. Senza queste informazioni, la responsabilità dell'IVA ricade sull'emittente della fattura, che potrebbe essere obbligato dall'ufficio tributario nazionale a effettuare i pagamenti successivi.
  • La fattura deve inoltre contenere un riferimento scritto all'esenzione dall'imposta. In una fattura tedesca, l'indicazione sarebbe: "steuerfreie innergemeinschaftliche Lieferung" (cessione intracomunitaria esente da imposte).

Indicazioni di fatturazione nelle lingue ufficiali dell'UE

Di seguito sono riportate le indicazioni per l'esenzione fiscale delle cessioni intracomunitarie per i diversi paesi dell'Unione Europea:

  • Austria: steuerfreie innergemeinschaftliche Lieferung
  • Belgio: livraison intracommunautaire exonérée TVA
  • Bulgaria: neoblagaema vatreshnoobshtnostna dostavka
  • Cipro: tax free intracommunity delivery
  • Cechia: dodání zbozí do jiného clenského státu, osvobozené od DPH
  • Danimarca: momsfri EU levering
  • Estonia: käibemaksuvaba ühendusesisene kättetoimetamine
  • Finlandia: veroton yhteisömyynti
  • Francia: livraison intracommunautaire exonérée TVA
  • Grecia: tax free intracommunity delivery
  • Ungheria: forgalmiadó-mentes, Közösségenbelülrol történo áruszállítás
  • Irlanda: tax free intracommunity despatch
  • Italia: cessioni intracomunitarie esenti
  • Lettonia: ar 0% apliekamas precu piegades ES ietvaros, PVN likuma 28. pants*)
  • Lituania: pridétinés vertés mokesciu neapmokestinamas tiekimas Europos Sajungos viduje
  • Lussemburgo: livraison intracommunautaire exonérée TVA.
  • Malta: tax free intracommunity delivery
  • Paesi Bassi: intracommunautaire levering
  • Polonia: wewnatrzwspólnotowa dostawa towarów opodatkowana wg. stawki podatku 0% (Art.42 Ust. 0 pod. od tow.il usl.)
  • Portogallo: fornecimento inter-comunitário isento de IVA
  • Romania: livrare intracomunitara scutita de TVA
  • Slovacchia: od dane oslobodené intrakomunitárne dodávky
  • Slovenia: oprostitev plačila DDV pri dobavah znotraj EU
  • Spagna: entrega intracomunitaria libre de impuesto
  • Svezia: skattefri gemenskapsintern leverans

Le attività possono utilizzare i servizi di fornitori di servizi di pagamento certificati per una fatturazione corretta e conforme alla legge. Oltre a offrire processi automatizzati, i fornitori di servizi di pagamento come Stripe utilizzano anche programmi di fatturazione intelligenti per ridurre al minimo i tassi di errore, anche nel caso di fatture per cessioni intracomunitarie esenti da imposte.

Quali sono gli obblighi di rendicontazione per le cessioni intracomunitarie?

Ai sensi dell'articolo 18a della legge tedesca sull'IVA (UStG), uno degli obblighi più importanti di qualsiasi attività che opera cessioni intracomunitarie è quello di comunicare regolarmente all'ufficio tributario i ricavi corrispondenti. Questa comunicazione avviene tramite un elenco riepilogativo. Questo elenco delle cessioni intracomunitarie viene presentato per via elettronica, ad esempio tramite il portale ELSTER in Germania. I riepiloghi devono essere presentati su base trimestrale o mensilmente se le cessioni intracomunitarie superano i 50.000 euro entro il trimestre. La scadenza per la presentazione è il 25 del mese successivo. Gli uffici tributari dell'UE coinvolti nello scambio sono in grado di utilizzare gli elenchi riepilogativi per verificare se le attività coinvolte hanno versato le imposte corrette sulle transazioni.

Se le cessioni intracomunitarie superano i 500.000 euro nell'anno precedente, l'attività fornitrice deve anche dichiarare queste transazioni nell'ambito delle statistiche sul commercio intracomunitario dell'ufficio federale di statistica tedesco. Lo stesso vale per le forniture in entrata che superano gli 800.000 euro all'anno.

Se la soglia viene superata nell'anno solare in corso, l'obbligo di rendicontazione inizierà a partire dal mese in cui il valore è stato superato.

Quali sono i casi speciali per le cessioni intracomunitarie?

Le forniture di beni tra attività in Europa non sempre costituiscono cessioni intracomunitarie esenti da imposta. Ad esempio, le forniture di gas attraverso la rete del gas naturale e le forniture di elettricità ai sensi dell'Articolo 3g della legge tedesca sull'IVA (UStG) non costituiscono cessioni intracomunitarie. Le forniture di veicoli nuovi, invece, sono sempre trattate come forniture intracomunitarie, anche se i destinatari sono privati.

Esiste anche una particolarità per i titolari di piccole attività: questi sono generalmente esenti dall'IVA ai sensi dell'Articolo 19 dell'UStG e non sono tenuti a presentare una dichiarazione IVA anticipata. Tuttavia, la situazione cambia nel caso delle cessioni intracomunitarie. Quando i titolari di piccole attività sono coinvolti in questo tipo di forniture, devono presentare una dichiarazione anticipata per il periodo corrispondente e tenere un registro delle forniture.

Esistono diversi altri casi particolari che riguardano la fatturazione e la tassazione delle attività per le forniture intraeuropee di beni, pertanto è necessario esaminare con precisione le leggi e le normative applicabili. Puoi prendere in considerazione la possibilità di avvalerti di un supporto professionale. La conoscenza precisa delle normative fiscali è particolarmente importante nelle transazioni transfrontaliere. Per saperne di più, contatta il team commerciale di Stripe.

Tutto pronto per iniziare?

Crea un account e inizia ad accettare pagamenti senza la necessità di stipulare contratti o di comunicare le tue coordinate bancarie. In alternativa, contattaci per progettare un pacchetto personalizzato per la tua attività.