Che cos'è il sistema di credito d'imposta per ricerca e sviluppo in Giappone?

Tax
Tax

Con Stripe Tax puoi calcolare, riscuotere imposte e presentare dichiarazioni fiscali per tutti i pagamenti in una sola integrazione. Scopri dove registrarti, come riscuotere automaticamente l'importo corretto delle imposte e accedi ai report necessari per presentare le dichiarazioni.

Ulteriori informazioni 
  1. Introduzione
  2. Quale tipo di ricerca è idonea per il sistema di credito dimposta per ricerca e sviluppo?
  3. Quali tipi di spese per ricerca sperimentale e per ricerca e sviluppo sono detraibili?
    1. Ricerca sperimentale collaborativa e commissionata (innovazione aperta)
  4. Aliquote di detrazione e limiti per le spese di ricerca sperimentale
    1. Il tetto del credito dimposta e come viene calcolato
    2. Tipologia generale
    3. Tipologia per il miglioramento tecnologico delle PMI
    4. Tipologia per linnovazione aperta
  5. Possibilità di future riduzioni dei benefici del sistema di credito dimposta per ricerca e sviluppo

Il sistema di credito d'imposta per ricerca e sviluppo è una misura che consente alle società impegnate in attività di ricerca e sviluppo di detrarre una determinata percentuale delle spese di ricerca sperimentale, o degli investimenti in ricerca e sviluppo, dall'imposta sulle società dovuta. Il sistema, applicabile alle società che presentano la dichiarazione dei redditi con modulo blu, stabilisce aliquote fiscali diverse per ciascun progetto di ricerca, con spese di ricerca sperimentale detraibili entro ciascun anno fiscale. L'obiettivo è mantenere e aumentare gli investimenti in ricerca e sviluppo nel settore privato, promuovere la ricerca e lo sviluppo innovativi e rafforzare il potenziale di crescita e la competitività internazionale del Giappone.

Il sistema può essere sostanzialmente suddiviso in tre categorie o "tipologie": generale (precedentemente denominata "dell'importo totale", nota ufficialmente come "Ippan Shiken Kenkyūhi no Gaku ni Kakawaru Zeigaku Kōjo Seido"), per il miglioramento tecnologico delle PMI e per l'innovazione aperta (un sistema di credito d'imposta per spese speciali di ricerca sperimentale).

Negli ultimi anni ha attirato particolare attenzione la tipologia relativa all'innovazione aperta, che consente detrazioni parziali dall'imposta sulle società delle spese sostenute attraverso attività come la ricerca collaborativa con università, startup e altre entità. Questa tipologia incentiva l'attività collaborativa di ricerca e sviluppo con organizzazioni esterne, portando alla creazione di nuovo valore e a un livello di competitività che le imprese potrebbero non essere in grado di raggiungere da sole. È questo il motivo per cui la riforma fiscale del 2023 del Ministero dell'Economia, del Commercio e dell'Industria ha ampliato i criteri di idoneità per le startup e stabilito un meccanismo che consente aliquote di detrazione fiscale più elevate per la tipologia relativa all'innovazione aperta rispetto a quella generale.

Questo articolo si concentra sulla tipologia di credito d'imposta per l'innovazione aperta e illustra i requisiti per l'applicazione del credito fiscale per ricerca e sviluppo, compresi i limiti alle detrazioni fruibili.

Contenuto dell'articolo

  • Quale tipo di ricerca è idonea per il sistema di credito d'imposta per ricerca e sviluppo?
  • Quali tipi di spese per ricerca sperimentale e per ricerca e sviluppo sono detraibili?
  • Aliquote di detrazione e limiti per le spese di ricerca sperimentale
  • Possibilità di future riduzioni dei benefici del sistema di credito d'imposta per ricerca e sviluppo 

Quale tipo di ricerca è idonea per il sistema di credito d'imposta per ricerca e sviluppo?

In linea generale le detrazioni fiscali si applicano alle spese di ricerca sperimentale, ma queste sono ulteriormente classificate in base al tipo di ricerca interessata. Riportiamo di seguito alcuni esempi di categorie di ricerca che soddisfano i requisiti della tipologia di credito d'imposta per l'innovazione aperta.

Le categorie di ricerca che soddisfano i requisiti della tipologia di credito d'imposta per l'innovazione aperta sono:

  • Ricerca collaborativa e commissionata con istituti di ricerca speciali, università, ecc. (30%)
  • Ricerca collaborativa e commissionata con start-up (25%)
  • Ricerca collaborativa e commissionata con altre attività private (20%)
  • Ricerca sperimentale che prevede l'uso di proprietà intellettuale di piccole e medie imprese (PMI) (20%)
  • Ricerca sperimentale condotta in modo cooperativo da membri di un'associazione di ricerca tecnica (20%)
  • Ricerca sperimentale che prevede il coinvolgimento di personale di ricerca altamente qualificato (20%)
  • Ricerca sperimentale di farmaci per malattie rare e applicazioni specifiche, ecc. (20%)

Le aliquote di detrazione sono indicate tra parentesi. I dettagli sulla ricerca collaborativa e commissionata con enti quali istituti di ricerca speciali, università e start-up (come menzionato sopra) sono illustrati più avanti in questo articolo nella sezione "[Ricerca sperimentale collaborativa e commissionata (innovazione aperta)](https://stripe.com/resources/more/r-and-d-tax-in-japan?#collaborative-and-commissioned-experimental-research-open-innovation-type "Stripe | Ricerca sperimentale collaborativa e commissionata (innovazione aperta))".

Quali tipi di spese per ricerca sperimentale e per ricerca e sviluppo sono detraibili?

L'ambito delle spese di ricerca sperimentale fiscalmente detraibili può essere classificato, in linea generale, in prodotti e tecnologia (nota: ricerca sperimentale e ricerca e sviluppo sono generalmente definiti in modo equivalente).

Nel documento "Panoramica del sistema di credito d'imposta per ricerca e sviluppo" del Ministero dell'Economia, del Commercio e dell'Industria, le spese di ricerca sperimentale sono definite come "costi sostenuti attraverso attività di ricerca e sviluppo nelle scienze naturali".

Per poter beneficiare del credito d'imposta, le spese di ricerca sperimentale devono pertanto soddisfare i seguenti criteri:

  • Le spese devono essere incluse come costi nel calcolo del reddito per ciascun anno fiscale.
  • Le spese devono essere contabilizzate come costi di ricerca e sviluppo nel calcolo del reddito per ciascun anno fiscale e incluse nei costi di acquisizione di software, ecc.

Criteri di ammissibilità delle spese di ricerca sperimentale:

  • Fabbricazione di prodotti
  • Miglioramento, invenzione o creazione di tecnologia
  • Sviluppo di nuovi servizi forniti a pagamento

Le spese di ricerca sperimentale fiscalmente detraibili comprendono i seguenti costi di ricerca e sviluppo:

  • Materiali, personale e spese generali
  • Spese per ricerca commissionata (pagamenti a soggetti esterni per finalità di ricerca sperimentale)
  • Pagamenti ad associazioni di ricerca tecnica

Ricerca sperimentale collaborativa e commissionata (innovazione aperta)

Per utilizzare il credito d'imposta per ricerca collaborativa o commissionata con start-up (aziende specifiche per lo sviluppo di nuove attività) o istituti speciali di ricerca, università, ecc., le start-up o il personale di ricerca altamente qualificato in questione (persone titolari di dottorato o con una certa esperienza curricolare di ricerca esterna) deve soddisfare i criteri della tipologia di credito per l'innovazione aperta.

Criteri applicabili se il partner di ricerca è una start-up (aliquota di detrazione: 25% delle spese di ricerca sperimentale)

Affinché il credito d'imposta sia applicabile, la start-up partner deve soddisfare tutti i criteri seguenti:

  • Deve essere stata costituita da meno di 15 anni e soddisfare requisiti specifici;
  • Deve essere una società non quotata;
  • Non deve essere una filiale dell'azienda richiedente il credito, ad esempio appartenente allo stesso gruppo societario;
  • Deve essere destinataria di un fondo di venture capital o una società di ricerca e sviluppo che soddisfa i requisiti;
  • Deve avere un rapporto tra spese di ricerca e sviluppo e vendite nette pari o superiore al 10%.

Al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi la società che richiede il credito d'imposta deve verificare che la start-up soddisfi tutti i criteri di cui sopra. La start-up partner in questione dovrà quindi ottenere un certificato dal Ministero dell'Economia, del Commercio e dell'Industria e inviarne copia alla società richiedente il credito.

Criteri applicabili se il partner di ricerca è personale di ricerca altamente qualificato (aliquota di detrazione: 20% delle spese di ricerca sperimentale attribuibili a costi del personale)

Per migliorare la qualità dell'attività di ricerca e sviluppo è fondamentale incoraggiare gli investimenti nelle "persone" coinvolte. Quando si utilizza personale di ricerca altamente qualificato devono essere soddisfatti i due requisiti seguenti:

  • Per quanto riguarda le spese di ricerca e sviluppo, la quota dei costi per il personale attribuibile al personale di ricerca altamente qualificato deve essere aumentata rispetto all'anno precedente;
  • L'attività di ricerca e sviluppo deve essere ampiamente pubblicizzata ai potenziali talenti sia internamente che esternamente.

Per maggiori dettagli sui criteri relativi alle start-up partner e al personale di ricerca altamente qualificato, fare riferimento alla "Panoramica del sistema di credito d'imposta per ricerca e sviluppo" del Ministero dell'Economia, del Commercio e dell'Industria.

Aliquote di detrazione e limiti per le spese di ricerca sperimentale

L'importo che le aziende possono detrarre dall'imposta sulle società attraverso il sistema di credito d'imposta per ricerca e sviluppo è limitato e l'aliquota di detrazione (la percentuale delle spese di ricerca sperimentale che può essere detratta) si differenzia nelle seguenti tipologie: generale, per il miglioramento tecnologico delle PMI e per l'innovazione aperta.

Il tetto del credito d'imposta e come viene calcolato

Il tetto del credito d'imposta è calcolato come segue:

Importo delle spese di ricerca sperimentale × aliquota di detrazione

Ad esempio, poiché l'aliquota di detrazione per la tipologia generale è compresa tra l'1% e il 14%, il tetto del credito d'imposta sarebbe l'importo delle spese di ricerca sperimentale moltiplicato per la percentuale applicabile.

Il limite di detrazione viene inoltre calcolato come segue:

Importo dell'imposta sulle società × percentuale del limite di detrazione definito per ciascuna tipologia

Quindi se il limite di detrazione è del 25% (come nel caso della tipologia generale), la formula sarebbe:

Importo dell'imposta sulle società × 25%

L'importo detraibile sarà il minore tra il tetto del credito d'imposta e il limite di detrazione calcolato secondo i metodi di cui sopra.

Tipologia generale

Come mostrato sopra, l'aliquota di detrazione per la tipologia generale è compresa tra l'1% e il 14% e il limite di detrazione è pari al 25% dell'importo dell'imposta sulle società. Anche se l'importo calcolato supera questa percentuale limite, il tetto massimo del credito d'imposta rimane del 25%.

Tipologia per il miglioramento tecnologico delle PMI

Questo sistema, progettato specificamente per le PMI con un capitale massimo di 100 milioni di yen, offre tassi di detrazione preferenziali più elevati rispetto alla tipologia generale, ovvero dal 12% al 17%. Il tetto dell'importo detraibile è lo stesso della tipologia generale: il 25% dell'imposta sulle società dovuta.

Inoltre, come misura temporanea per la tipologia generale e per quella relativa al miglioramento tecnologico delle PMI fino alla fine dell'anno fiscale 2025, al consueto limite del 25% è consentito aggiungere un'ulteriore percentuale di detrazione (fino al 10%) quando la quota delle spese di ricerca sperimentale* supera il 10% delle vendite medie. Il tetto del credito d'imposta varia all'aumentare o al diminuire delle spese di ricerca sperimentale. Per ulteriori dettagli relativi alla misura temporanea, fare riferimento alla "Panoramica del sistema di credito d'imposta per ricerca e sviluppo" del Ministero dell'Economia, del Commercio e dell'Industria.

*Il rapporto tra le spese di ricerca sperimentale e le vendite medie (vendite medie dell'anno in questione e degli ultimi tre anni fiscali).

Tipologia per l'innovazione aperta

A seconda della natura della ricerca, le aliquote di detrazione relative alla tipologia per l'innovazione aperta sono del 20%, 25% o 30% e il limite di detrazione arriva fino al 10% dell'imposta sulle società dovuta.

Per un approfondimento sulle aliquote e sui limiti di detrazione sopra menzionati è possibile consultare la "Panoramica del sistema di credito d'imposta per ricerca e sviluppo" del Ministero dell'Economia, del Commercio e dell'Industria, che fornisce informazioni dettagliate con esempi di calcoli per la detrazione.

Possibilità di future riduzioni dei benefici del sistema di credito d'imposta per ricerca e sviluppo

Al momento non vi è stato alcun annuncio ufficiale da parte del governo giapponese in merito ad eventuali riduzioni dei benefici offerti dal sistema di credito d'imposta per ricerca e sviluppo. È comunque possibile che il governo giapponese possa adeguare o eliminare gradualmente tale sistema qualora le spese per la ricerca sperimentale diminuiscano con l'istituzione di nuovi sistemi simili in futuro.

Tuttavia, come accennato all'inizio, dato l'obiettivo di mantenere ed espandere gli investimenti in ricerca e sviluppo, si prevede che l'attuale sistema di credito d'imposta per ricerca e sviluppo continuerà a rivestire grande importanza per il governo giapponese. In particolare, la tipologia di credito per l'innovazione aperta, che fornisce incentivi significativi per collaborazioni nella ricerca congiunta e commissionata con start-up, università e istituti di ricerca nazionali, ecc., è un sistema molto apprezzato che ha ampliato il potenziale e sostenuto la crescita di molte aziende.

Il sito web del Ministero dell'Economia, del Commercio e dell'Industria fornisce informazioni più dettagliate sulla tipologia di credito d'imposta per l'innovazione aperta, con una panoramica del sistema, formati di report e procedure per la ricerca collaborativa con start-up.

Per renderlo maggiormente accessibile a una gamma più ampia di imprese, il sistema di credito d'imposta per ricerca e sviluppo è stato oggetto di frequenti revisioni, anche per quanto riguarda le aliquote e i limiti di detrazione, nonché altre misure preferenziali tra cui ampliamenti dei criteri di ammissibilità e dell'ambito di applicazione. È importante tenere sotto osservazione le tendenze del governo e le informazioni più recenti sul sistema per rimanere aggiornati su eventuali variazioni future.

Oltre all'attività di ricerca e sviluppo, la monetizzazione continua e operazioni fluide sono fondamentali per la crescita di un'azienda. Stripe fornisce un'ampia gamma di funzionalità e strumenti per i pagamenti online che supportano le aziende nell'obiettivo di migliorare l'efficienza della loro operatività quotidiana.

Tutto pronto per iniziare?

Crea un account e inizia ad accettare pagamenti senza la necessità di stipulare contratti o di comunicare le tue coordinate bancarie. In alternativa, contattaci per progettare un pacchetto personalizzato per la tua attività.