Che cos'è una banca acquirente? Informazioni essenziali per le aziende sulle banche acquirenti

Payments
Payments

Accetta pagamenti online, di persona e in tutto il mondo con una soluzione di pagamento sviluppata per qualsiasi tipo di attività, dalle start-up in espansione alle società internazionali.

Ulteriori informazioni 
  1. Introduzione
  2. Che cos’è una banca acquirente?
  3. Banca acquirente e banca emittente
  4. Banca acquirente ed elaboratore del pagamento
  5. Come scegliere una banca acquirente che soddisfi le esigenze della tua attività
  6. Costi e commissioni delle banche acquirenti

Per le aziende di piccole dimensioni che accettano pagamenti dei clienti, ogni clic, strisciata o avvicinamento di carta per effettuare una transazione avvia una complessa serie di azioni dietro le quinte. È opportuno acquisire familiarità con le parti principali coinvolte nell'elaborazione delle transazioni dei clienti, ad esempio le banche acquirenti.

L'accelerazione della tecnologia dei pagamenti ha cambiato radicalmente il modo in cui le aziende, i circuiti delle carte di credito, gli elaboratori di pagamento e le banche interagiscono con le transazioni dei clienti. Le aziende dispongono di un numero maggiore di opzioni per accettare ed elaborare i pagamenti e più istituti finanziari offrono funzionalità di pagamento sovrapposte. È pertanto importante che le aziende comprendano chiaramente gli aspetti tecnici della ricezione dei pagamenti dei clienti e il modo in cui le banche acquirenti sono coinvolte.

Descriveremo cos'è una banca acquirente, il ruolo che svolge nell'elaborazione dei pagamenti e cosa devono sapere le aziende sulle banche acquirenti per gestire i pagamenti dei clienti.

Contenuto dell'articolo

  • Che cos'è una banca acquirente?
  • Banca acquirente e banca emittente
  • Banca acquirente ed elaboratore del pagamento
  • Come scegliere una banca acquirente che soddisfi le esigenze della tua attività
  • Costi e commissioni delle banche acquirenti

Che cos'è una banca acquirente?

Per banca acquirente si intende una banca o un istituto finanziario che elabora pagamenti con carte di credito o di debito dei clienti per conto dell'azienda e li invia alla banca emittente tramite i circuiti delle carte di credito.

Le banche acquirenti consentono alle aziende di elaborare i pagamenti oltre il sistema POS e di ricevere i fondi dai clienti. Il processo prevede l'acquisizione dei numeri di carta di credito e di debito dall'elaboratore di pagamento dell’azienda, l'interazione con i circuiti delle carte di credito e con le banche emittenti dei clienti per ottenere l’autorizzazione per i pagamenti e quindi la ricezione dei fondi.

Banca acquirente e banca emittente

I termini "banca acquirente" e "banca emittente" si riferiscono ai diversi ruoli che gli istituti finanziari svolgono in una transazione del cliente, durante la quale la banca acquirente è la banca dell'azienda, mentre la banca emittente è la banca del cliente.

La banca emittente fornisce, o "emette", le carte di credito o debito ai clienti per conto dei circuiti delle carte di credito, oltre a emettere i fondi trasferiti in una transazione con carta. La banca acquirente riceve, o "acquisisce", i fondi dalla transazione.

Ecco come si svolge il processo per la banca acquirente e per quella emittente durante una transazione del cliente:

  1. Il cliente presenta la propria carta di credito o debito o il proprio wallet al punto POS per effettuare un acquisto. Può trattarsi di un terminale POS in un negozio tradizionale al dettaglio, di un lettore di carte su un dispositivo mobile dell'azienda o dell'interfaccia per il completamento del pagamento in un sito web di e-commerce.
  2. L'elaboratore del pagamento trasmette prima le informazioni chiave alla banca acquirente, come l'importo dei fondi da trasferire e il numero della carta da utilizzare per il pagamento.
  3. Una volta ricevuta la richiesta di pagamento, la banca acquirente si collega con la banca emittente tramite il circuito delle carte di credito collegato alla modalità di pagamento. Se ad esempio un cliente utilizza una carta di debito Visa emessa da Wells Fargo, la banca acquirente riceverà tale transazione e utilizzerà il circuito delle carte Visa per connettersi con Wells Fargo, la banca emittente.
  4. Dopo aver ricevuto la richiesta dalla banca acquirente, la banca emittente controlla il conto del titolare della carta per verificare la presenza di credito sufficiente o di fondi disponibili per coprire la transazione.
  5. Se i fondi sono disponibili, la banca emittente autorizza il pagamento e informa la banca acquirente tramite il circuito delle carte di credito.
  6. A questo punto la banca emittente rilascia i fondi, che la banca acquirente accetta e deposita sul conto dell'azienda.

Banca acquirente ed elaboratore del pagamento

I fornitori di servizi di elaborazione dei pagamenti ricevono tutte le informazioni chiave relative a una determinata transazione, come il numero della carta di credito e l'importo del pagamento, e le trasmettono alla banca acquirente. La banca acquirente ottiene quindi l'autorizzazione al pagamento e riceve i fondi.

Sebbene gli elaboratori del pagamento e le banche acquirenti svolgano ruoli diversi nel processo di pagamento, lo stesso istituto finanziario può svolgerli contemporaneamente. Alcune banche forniscono sia conti business che servizi di pagamento, anche se più spesso le aziende ricevono tali servizi da istituti diversi.

Come scegliere una banca acquirente che soddisfi le esigenze della tua attività

Il modo in cui la tua azienda interagisce con le banche acquirenti può variare in base a come accedi ai servizi del conto venditore. Potresti collaborare con un fornitore che offre servizi di elaborazione dei pagamenti, conti venditore e servizi di acquisizione oppure potresti aver bisogno di ottenere servizi di elaborazione dei pagamenti e di acquisizione da fornitori diversi. Se usi Stripe, non è necessario che contatti una banca acquirente, perché Stripe fornisce entrambe le funzionalità di elaborazione dei pagamenti e di banca acquirente. Per le aziende indipendenti, un unico supporto per i pagamenti scalabile e completo è più interessante rispetto all'uso combinato di più soluzioni di facilitazione dei pagamenti e di servizi bancari.

Se operi su una piattaforma o un marketplace di terze parti con il supporto per i pagamenti integrato nell'esperienza aziendale, probabilmente non sarà necessario ottenere un conto venditore separato con una banca acquirente. Tali piattaforme hanno aggiunto un numero sempre maggiore di funzionalità di pagamento per semplificare l'esperienza per aziende e clienti e monetizzare le transazioni.

Se per la tua attività accetti pagamenti in modalità diverse da piattaforme o marketplace di terze parti, ad esempio se le operazioni avvengono di persona o disponi di un sito di e-commerce, hai bisogno della funzionalità di elaborazione dei pagamenti e di banca acquirente.

Alcuni elaboratori di pagamento offrono solo il servizio di elaborazione dei pagamenti o supporto come banca acquirente, quindi devi disporre di un elaboratore separato per ciascuna funzione. Esistono molti siti web per istituti finanziari che offrono servizi di banca acquirente alle aziende. Puoi iniziare cercando banche acquirenti per aziende nella tua zona o quelle specializzate nel tuo settore, quindi puoi confrontare le tue opzioni in base a criteri diversi, ad esempio piani tariffari, vantaggi e altri pro e contro.

Sebbene i requisiti di ogni banca acquirente per l'apertura di un conto venditore siano diversi, in generale dovrai fornire le informazioni seguenti:

  • Tipo di azienda, ad esempio ditta individuale, società a responsabilità limitata, C-Corporation, S-Corporation, ente pubblico, organizzazione non profit e così via
  • Settore
  • Numero di identificazione del datore di lavoro (EIN) o ID fiscale
  • Indirizzo aziendale
  • Stato di registrazione
  • Data di inizio attività
  • Tipo di prodotti e servizi offerti
  • Ricavi o volume di transazioni all'anno
  • Informazioni bancarie relative all'attività (banca a cui inviare i bonifici per le transazioni)
  • Codice fiscale
  • Indirizzo di residenza
  • Numero di telefono personale
  • Data di nascita

Costi e commissioni delle banche acquirenti

Poiché la maggior parte delle aziende accetta ed elabora pagamenti tramite soluzioni complete come Stripe, le commissioni di elaborazione pagate coprono molte funzioni, incluso l'accesso alle banche acquirenti. Il modello tariffario trasparente e integrato di Stripe è uno dei suoi principali vantaggi rispetto alle tradizionali soluzioni di elaborazione di pagamenti ottenute direttamente da banche acquirenti. Le tariffe di Stripe dipendono dall'ambito dei servizi per la singola attività, ma le transazioni con carta di credito e wallet hanno un prezzo del 2,9% + 30 ¢ per ogni addebito sulla carta andato a buon fine.

Anche se i clienti Stripe non pagano direttamente le commissioni per la banca acquirente, descriviamo di seguito come funzionano:

Le aziende o i facilitatori di pagamenti in genere pagano commissioni di transazione che vengono distribuite alla banca acquirente, alla banca emittente e ai circuiti delle carte di credito. Per ogni transazione, alle banche delle aziende vengono addebitate "commissioni d'interscambio" da parte dei circuiti delle carte di credito. Tali commissioni sono condivise con la banca emittente, consentendo di generare ricavi senza addebitare alcun costo ai titolari della carta.

Le commissioni sulla transazione sono calcolate in base a un certo numero di fattori. Ogni società di carte di credito ha il proprio insieme di regole che determinano le commissioni d'interscambio. Ecco alcune delle regole più comuni:

  • Proprietà della transazione
    Tali proprietà includono informazioni come l'importo della transazione e la posizione.

  • Tipo di carta
    Il tipo di carta determina se la carta di pagamento utilizza un chip EMV o un pagamento contactless, se la carta è prepagata o una carta di debito e definisce la categoria della carta di credito (Gold, Platinum, Reward e così via) e la fonte di finanziamento.

  • Proprietà del dispositivo
    Le proprietà del dispositivo descrivono come e dove è stato effettuato l'addebito, indicando ad esempio se si è trattato di un pagamento di persona oppure online, il codice della categoria dell'esercente e la presenza o meno della carta.

Poiché le regole per calcolare le commissioni d'interscambio sono numerose, la maggior parte delle banche acquirenti utilizza modelli tariffari che prendono in considerazione la dimensione media delle transazioni di un'attività, il volume delle transazioni, le proprietà tipiche dei pagamenti e il tipo di attività. La banca acquirente definisce quindi un piano tariffario in linea con le commissioni d'interscambio che molto probabilmente dovrà sostenere per conto di tale attività.

Tutto pronto per iniziare?

Crea un account e inizia ad accettare pagamenti senza la necessità di stipulare contratti o di comunicare le tue coordinate bancarie. In alternativa, contattaci per progettare un pacchetto personalizzato per la tua attività.