Una guida alle modalità di pagamento

Le imprese possono utilizzare questa guida per scoprire, capire e selezionare la modalità di pagamento adeguata per raggiungere un'utenza più ampia.

Ultimo aggiornamento: 25 luglio 2019

Introduzione

Supportato da un accesso a Internet ad alta velocità ampiamente diffuso e da un’insaziabile ricerca di praticità da parte dei consumatori, il commercio online si sta rapidamente diffondendo a livello globale e si prevede che raggiungerà un volume d’affari pari a 4 trilioni di dollari nel 2020 (fonte: eMarketer). Tuttavia, quando si tratta di pagamenti online, le aziende che si espandono a livello internazionale, per sfruttare l’opportunità di raggiungere un numero sempre maggiore di clienti offerta dal commercio online, si trovano a dover gestire preferenze dei consumatori estremamente diversificate. Non solo i termini di consegna possono variare sensibilmente (con il pagamento dopo la consegna, ad esempio, comune in Europa e in Asia, le aziende devono accettare i pagamenti solo dopo la spedizione della merce), ma anche le modalità di pagamento utilizzate per le transazioni online sono molteplici. Le carte di credito e di debito, non sempre l’opzione di pagamento più affidabile, vengono utilizzate solo per la metà delle transazioni online effettuate a livello globale. I pagamenti tramite bonifico bancario, wallet digitale e in contanti sono molto richiesti dai clienti e possono addirittura offrire vantaggi aggiuntivi alle aziende, come una riduzione dei rischi e dei costi di transazione.

Per realizzare pienamente il potenziale offerto dal commercio online, le aziende devono sapersi adattare a un pubblico eclettico ed essere in grado di gestire questa diversità di preferenze di pagamento. Questa guida vuole evidenziare le caratteristiche delle modalità di pagamento che possono essere intrinsecamente rilevanti per un determinato modello aziendale, identificare una serie di domande che le aziende dovrebbero porsi quando valutano l’inserimento di modalità di pagamento nei loro negozi online e offrire una panoramica delle varie modalità di pagamento supportate da Stripe.

Scelta delle giuste modalità di pagamento

Quando un’azienda punta ad aumentare il proprio giro d’affari, un’efficace copertura delle modalità di pagamento può fungere da ottimo catalizzatore. Sia che si tratti di incrementare le conversioni nel mercato locale o di espandersi geograficamente, è fondamentale che le aziende siano in grado di adattare le opzioni disponibili in fase di checkout alle preferenze di pagamento dei clienti. Tuttavia, a seconda della natura di una determinata transazione, alcune modalità di pagamento potrebbero non essere pertinenti in virtù delle loro specifiche caratteristiche. Le aziende dovrebbero prendere in considerazione il proprio modello aziendale e i propri vincoli operativi per valutare correttamente quali siano i metodi giusti da integrare.

Partire dal cliente

Come accennato in precedenza, la rilevanza di una modalità di pagamento dipende dalle caratteristiche geografiche e demografiche dei clienti che un’azienda punta a raggiungere.

La frammentazione delle modalità di pagamento varia sensibilmente da paese a paese. Se alcune modalità di pagamento, come le principali carte di credito, sono ormai diffuse a livello internazionale, altre sono rimaste confinate a singoli paesi o addirittura a un unico segmento della popolazione di un paese. Di conseguenza, identificare la propria clientela di riferimento è il primo passo importante da fare per decidere su quali modalità di pagamento concentrarsi. La distribuzione delle modalità di pagamento usate per il commercio online varia drasticamente in base all’area geografica, ma anche all’interno di aree specifiche.

22%
23%
13%
15%
10%
15%
2%
  • Carte
  • Addebito SEPA
  • Pay later
  • Sofort
  • Giropay
  • Paypal
  • Altro

Ad esempio, se le principali carte di credito vengono utilizzate per più dell'80% delle transazioni online in Francia, nella vicina Germania questo dato non arriva al 25%. Allo stesso tempo, in Germania, i pagamenti tramite banca (addebito diretto o bonifico bancario) sono utilizzati per quasi il 40% degli acquisti e non esiste una sola modalità di pagamento che venga usata per più del 25% degli acquisti online.

Un’altra considerazione alla base delle decisioni sulle modalità di pagamento riguarda il modello aziendale. Alcune modalità di pagamento, i popolari wallet digitali, ad esempio, sono pensate per i singoli consumatori e supportano solo parzialmente transazioni dagli importi elevati o pagamenti da azienda ad azienda. Altre, come la fatturazione tramite bonifico bancario, non sono pratiche per gli acquisti istantanei da dispositivo mobile e sono più adatte per le transazioni tra imprese. Per determinati segmenti di mercato, lo specifico valore d’ordine di una transazione può avere un ruolo ancora più importante. Ad esempio, nel settore della vendita al dettaglio, le aziende con transazioni dal valore superiore alla media possono valutare la possibilità di offrire in fase di pagamento un’opzione di credito al consumo per incrementare le conversioni.

Infine, le preferenze dei clienti possono avere radici più profonde che le aziende dovrebbero tenere in considerazione. In alcuni mercati, come in Polonia, ad esempio, i consumatori si sono tradizionalmente affidati ai wallet digitali per limitare la possibilità da parte delle aziende di memorizzare le credenziali di pagamento per impieghi futuri. Ciò ha favorito lo sviluppo di opzioni di elaborazione dei pagamenti, quali PayU o Przelewy24, che elaborano le transazioni senza permettere alle aziende di memorizzare alcun dato una volta effettuato il pagamento.

Importanza dell’esperienza di pagamento

Considerate le specifiche caratteristiche delle varie modalità di pagamento, le aziende potrebbero dover adattare le loro procedure di checkout per supportarle.

Un primo fattore da prendere in considerazione è la gestione delle valute. Indubbiamente, alcune modalità di pagamento supportano solo un numero limitato di valute, inoltre è fondamentale assicurare che il cliente possa fare riferimento a un unico prezzo durante la sua intera esperienza di acquisto, in particolare nel momento in cui sceglie la modalità di pagamento. Questo è il caso, ad esempio, di iDEAL, un popolare sistema di pagamento usato nei Paesi Bassi, per il quale le aziende devono creare transazioni esclusivamente denominate in euro.

A parte questo caso specifico, l’esperienza del cliente in fase di checkout potrebbe dover essere adattata. Le modalità di pagamento che prevedono il reindirizzamento dell’acquirente a un’altra app o a un altro sito per completare l’acquisto rientrano in questa categoria. Ad esempio, i pagamenti effettuati mediante il popolare wallet cinese Alipay prevedono il reindirizzamento obbligatorio a una pagina web separata dove i clienti devono inserire credenziali aggiuntive. Questo sistema richiede l’implementazione di efficaci procedure di gestione degli ordini, per garantire ai clienti che non riescono a portare a termine il reindirizzamento un’esperienza il più possibile coerente. Più in generale, i reindirizzamenti limitano la capacità delle aziende di controllare l’esperienza di checkout dei loro clienti dall’inizio alla fine: pur portando a termine il pagamento, il cliente potrebbe infatti non tornare più al sito originale, di conseguenza, ogni tentativo di raccogliere informazioni aggiuntive dal consumatore deve essere fatto in una fase precedente.

Inoltre, vi sono modalità di pagamento che possono limitare la possibilità di portare a termine i pagamenti senza una conferma esplicita del cliente, diventando un ostacolo per i servizi in abbonamento. Se le credenziali di pagamento sono accessibili alle aziende, gli addebiti ricorrenti possono essere gestiti automaticamente al momento più opportuno per l’azienda. Per alcune modalità di pagamento, tuttavia, è obbligatorio che il cliente confermi ogni singola transazione, rendendo più complicate le procedure di addebito ricorrente. Di conseguenza, le organizzazioni che si affidano all’elaborazione dei pagamenti “in background”, senza il coinvolgimento diretto del cliente, dovranno adattare l’esperienza fornita per supportare opzioni di pagamento che consentano di effettuare addebiti ricorrenti.

Gestione di rischi, frodi e contestazioni

Le aziende possono prevedere e gestire i rischi associati all’accettazione di pagamenti online scegliendo le modalità che meglio si adattano alle loro preferenze di rischio. In linea generale, più elevato è il livello di autenticazione richiesto al cliente in fase di checkout, minori sono i rischi di incorrere in pagamenti fraudolenti.

Le aziende devono considerare quali modalità di pagamento possono incrementare le probabilità di transazioni fraudolente e su chi ricada la responsabilità in caso di contestazione del pagamento. Le credenziali richieste per portare a termine le transazioni con alcune modalità di pagamento possono essere rubate e usate senza il permesso del legittimo proprietario. Questo vale, ad esempio, per i dati dei conti bancari o delle carte di credito. Per questo motivo, i programmi di pagamento offrono ai clienti la possibilità di contestare i pagamenti effettuati illegalmente con le loro credenziali e di recuperare immediatamente i fondi dalle aziende. Vi sono modalità di pagamento, tuttavia, che richiedono al cliente di eseguire l’ordine di pagamento in prima persona, con una fase di autenticazione che assicura che le istruzioni non siano state impartite da altri. Questi tipi di pagamento sono generalmente irrevocabili. I bonifici bancari, tramite i quali i clienti inviano fondi a uno specifico conto bancario dal loro conto bancario, sono un esempio di queste modalità di pagamento. Tali opzioni di pagamento non sollevano le aziende dalla responsabilità di consegnare prodotti e servizi come il cliente se li aspetta, tuttavia offre loro maggiore controllo sulla gestione delle controversie e delle eccezioni, in quanto i fondi non vengono prelevati dai loro conti automaticamente. Le organizzazioni che vendono biglietti per eventi e i marketplace online di beni di lusso sono, per ovvi motivi, esempi di aziende con una decisa preferenza per modalità di pagamento autenticate o irrevocabili.

Comprensione dei costi reali del supporto delle modalità di pagamento

Le aziende devono considerare in modo olistico i costi e i vantaggi di aggiungere delle modalità di pagamento alla loro pagina di checkout.

Prima di tutto, è necessario prevedere il costo della sola integrazione tecnica di una modalità di pagamento aggiuntiva. Questa fase, come abbiamo visto prima, può comportare molto di più del semplice inserimento del logo di un nuovo metodo di pagamento nel sito web di un’azienda, in quanto può influire sul range di valute in cui devono essere visualizzati i prezzi, sul design della procedura stessa di checkout e persino, come vedremo più avanti, sulla tempistica di completamento degli ordini.

Le aziende dovrebbero considerare inoltre i costi correnti interni associati al supporto di operazioni con più modalità di pagamento. Monitoraggio delle transazioni, riconciliazione dei pagamenti e assistenza ai clienti sulle nuove modalità di pagamento sono solo alcuni esempi dei costi interni associati alla gestione di più metodi di pagamento. Altri fattori importanti da verificare in questa fase sono le modalità di elaborazione dei rapporti sulle transazioni, di raccolta dei fondi o ancora di avvio e gestione dei rimborsi.

Infine, aspetto non meno importante, le modalità di pagamento presentano strutture di transazione dei costi intrinsecamente differenti che ogni organizzazione dovrebbe prendere in considerazione in base al proprio modello aziendale, margine e valore medio delle transazioni.

Classificazione delle modalità di pagamento

Per ogni modalità di pagamento, vi sono tre domande che possono aiutare le aziende a comprendere meglio l’esperienza di checkout che i loro clienti si troveranno davanti, così come le implicazioni dell’accettazione di tale modalità.

Come viene portato a termine il pagamento?

Una delle sfide che accomuna tutte le aziende che accettano pagamenti online consiste nell’assicurare ai propri clienti un’esperienza il più possibile piacevole. È possibile fare distinzione tra tre diversi tipi di pagamento, che determineranno il flusso delle operazioni di checkout di un’azienda:

  1. Avviato dall’azienda Il cliente fornisce i dettagli di pagamento all’azienda, che avvia le procedure di pagamento quando più le conviene. Questo accade, ad esempio, per i pagamenti con carta di credito, per i quali sono richiesti solo i dati della carta, o mediante addebito diretto. Cosa importante da considerare, per questo tipo di pagamenti, è che l’azienda può non avere la capacità di verificare formalmente che sia stato il cliente ad autorizzare la transazione o che i dati di pagamento siano stati forniti dal legittimo proprietario. Come spiegato in precedenza, questi tipi di pagamenti possono presentare rischi aggiuntivi di frode e possono essere facilmente contestati o revocati.

  2. Autenticato dal cliente Il cliente fornisce i dati per il pagamento e dichiara di essere il titolare di tali dati. Tra gli esempi di questi tipi di pagamenti vi sono metodi che prevedono che il cliente riceva e digiti una password “usa e getta” o che acceda al proprio account da un’applicazione o sito web separato. Questi pagamenti spesso richiedono esperienze di checkout più complesse, nonché l’intervento diretto e il consenso esplicito del cliente per ogni singolo pagamento, tuttavia, come abbiamo visto, offrono maggiori garanzie alle aziende sulla legittimità delle transazioni, sollevandole da ogni responsabilità in caso di contestazioni.

  3. Avviato dal cliente Al cliente viene richiesto di effettuare tutti i passaggi necessari per trasferire in prima persona i fondi a una “destinazione” specificata dall’azienda. I bonifici bancari sono un esempio di questo tipo di pagamento, in cui la “destinazione” indicata è semplicemente un conto bancario. Tutti questi pagamenti avvengono per iniziativa del cliente, pertanto il ricevimento del denaro può risultare ritardato. Tuttavia, un importante vantaggio per le aziende consiste nel fatto che si tratta di transazioni in linea di massima irrevocabili: i fondi, una volta trasmessi e ricevuti, non possono essere inavvertitamente ritirati.

Come fanno le aziende a sapere che stanno per ricevere dei fondi?

Un passaggio importante per le aziende nell’esperienza di vendita online è la decisione di evadere un ordine. Ciò avviene generalmente nel momento in cui l’azienda riceve una conferma che indica con sufficiente affidabilità che il cliente ha completato il pagamento e che i fondi della transazione arriveranno prima o poi a destinazione. Si possono distinguere due casi:

  1. Conferma immediata La conferma del completamento del pagamento viene ricevuta dall’azienda al momento del checkout. È ciò che avviene, ad esempio, quando il cliente paga con carta di credito: l’azienda viene avvisata dal circuito della carta che il pagamento è andato a buon fine e può procedere all’evasione dell’ordine. Questo non significa tuttavia che i fondi sono già stati ricevuti dall’azienda (un passaggio che può richiedere anche alcuni giorni). Si tratta piuttosto di un messaggio ufficiale da parte del gestore della modalità di pagamento che conferma che la transazione verrà eseguita.

  2. Conferma ritardata L’avvenuto pagamento viene comunicato all’azienda dopo diverse ore, giorni e talvolta settimane. In questi casi, le organizzazioni devono decidere se evadere “preventivamente” l’ordine al termine della procedura di checkout oppure attendere la conferma prima di procedere, in quanto il pagamento potrebbe anche non andare a buon fine. Ad esempio, nei pagamenti tramite addebito diretto (in cui l’azienda “attinge” i fondi direttamente dal conto bancario del cliente), una volta avviato il pagamento, trascorrono diversi giorni prima che la banca del cliente accetti o rifiuti la richiesta di addebito. Analogamente, nel caso dei bonifici bancari (pagamenti in cui il cliente invia dei fondi a un conto bancario), i pagamenti vengono posticipati alla fine della giornata o alla giornata successiva. (Se i bonifici bancari a fine giornata o alla giornata successiva sono ancora la norma negli Stati Uniti, ovunque nel mondo si stanno progressivamente facendo strada schemi di trasferimento del credito in tempo “quasi reale”, come i sistemi Faster Payments utilizzati in Inghilterra o a Singapore. Anche i trasferimenti elettronici, che vengono inviati tramite una rete dedicata, avvengono quasi in tempo reale.) Nel frattempo, le aziende devono progettare il flusso di checkout in modo da far sapere ai clienti che il loro ordine è stato ricevuto e poi notificarli dell’avvenuta evasione, una volta ricevuta la conferma del pagamento.

È possibile memorizzare le credenziali di pagamento per poi riutilizzarle?

Le aziende che offrono servizi in abbonamento e quelle che puntano all’ottimizzazione dell’esperienza di checkout per le transazioni future dovranno considerare se memorizzare o meno i dati di pagamento dei clienti per poterli riutilizzare. I casi da prendere in considerazione sono due:

  1. Sì, i dati di pagamento sono riutilizzabili Memorizzando le credenziali di pagamento dei clienti, le aziende possono, a loro discrezione, creare pagamenti avviati dall’azienda, come descritto in precedenza, senza richiedere ulteriori interventi da parte del cliente. I dati delle carte di pagamento (senza l’uso del codice CVC o 3D Secure) possono essere considerati “riutilizzabili” dal momento che il cliente, una volta che li ha comunicati, non deve più intervenire direttamente per disporre futuri pagamenti. Anche i pagamenti tramite addebito diretto, in cui il cliente fornisce all’azienda i dati del proprio conto corrente per l’addebito, vengono eseguiti servendosi di dati di pagamento “riutilizzabili”.

  2. No, i dettagli di pagamento possono essere utilizzati una sola volta In questi casi, il cliente è responsabile del completamento di ciascun pagamento. L’esempio più semplice è il pagamento in contanti: l’azienda riceve i fondi se e quando il cliente consegna direttamente il denaro. Altri esempi di pagamenti di questo tipo sono i bonifici bancari in cui il cliente fornisce alla propria banca l’istruzione una tantum di inviare fondi al conto bancario di un destinatario. Sia i pagamenti avviati dal cliente che quelli autenticati dal cliente sono utilizzabili una sola volta: il cliente deve esplicitamente autorizzare ogni transazione, o avviando in prima persona il pagamento o accedendo a un’app o ancora digitando un codice di accesso “usa e getta”. Le aziende non possono in alcun modo riutilizzare i dati di pagamento forniti dal cliente e dovranno affidarsi completamente a lui per l’autorizzazione di ogni futuro pagamento.

Le tre domande di cui sopra possono aiutare le aziende a classificare modalità di pagamento poco familiari e a capire se sono o meno adatte al loro modello di business. Più avanti, utilizzeremo queste proprietà per descrivere le modalità di pagamento supportate da Stripe.

Considerazioni di settore

Quando interagiscono con un’azienda online, i clienti si aspettano la massima rapidità e praticità. Per garantire la migliore esperienza possibile al cliente è necessario considerare il settore in cui opera l’azienda, il principale canale di interazione utilizzato e le preferenze di rischio. Di seguito vengono suggerite alcune linee guida che le organizzazioni possono prendere in considerazione nella scelta delle modalità di pagamento.

Commercio mobile

Le aziende incentrate sul commercio mobile puntano alla semplicità di conversione con un’area di visualizzazione sullo schermo limitata e la massima semplicità di inserimento dei dati in fase di checkout. Le modalità di pagamento supportate dalle app mobili installate sui dispositivi degli utenti possono offrire un’esperienza di acquisto semplice, pur garantendo una riduzione delle frodi grazie all’impiego di sistemi di verifica, in quanto i clienti confermano i pagamenti direttamente dall’app. Queste app di pagamento, come Alipay in Cina, Bancontact in Belgio o Klarna in Svezia, offrono esperienze di pagamento da dispositivo mobile alternative ai clienti che non hanno installato l’app, con le medesime garanzie. Apple Pay e Google Pay sono app progettate e adattate al commercio mobile, in quanto offrono l’autenticazione del dispositivo in modo nativo. Altre modalità di pagamento, come Alipay in Cina, Bancontact in Belgio o Klarna in Svezia, offrono esperienze di pagamento da dispositivo mobile alternative ai clienti che non hanno installato l’app, con le medesime garanzie.

Economia on-demand

Con il pagamento istantaneo come elemento centrale dell’esperienza, le aziende orientate all’economia on-demand devono incoraggiare la conversione, spesso su dispositivo mobile, gestendo al contempo il rischio di frodi. Nel settore dell’economia on-demand, le modalità di pagamento che offrono la conferma immediata dell’avvenuta transazione sono una priorità. La possibilità di memorizzare i dati di pagamento per consentire al cliente di confermare con un solo tocco, come nel caso di pagamenti con carta di credito o addebito diretto, consente alle aziende di velocizzare ulteriormente l’esperienza di checkout.

Software-as-a-service e no-profit

Le aziende che offrono piattaforme SaaS, così come le organizzazioni no-profit, forniscono servizi in abbonamento e devono gestire pagamenti di grandi importi che possono essere disposti mediante bonifico bancario. Il supporto di dati di pagamento riutilizzabili, ad esempio, per pagamenti tramite carta di credito o addebito diretto, facilita l’addebito periodico di abbonati o donatori. Allo stesso tempo, il supporto di bonifici bancari provenienti dai paesi in cui si trovano i clienti enterprise permette di gestire transazioni di importi più elevati a costi inferiori e senza possibilità di revoca. Per le aziende che forniscono servizi SaaS, offrire modalità di pagamento aggiuntive rappresenta sempre più spesso una delle poche barriere all’incremento del potenziale di conversione dei propri clienti.

Perché Stripe?

Durante la scelta di una soluzione di integrazione per il supporto di modalità di pagamento aggiuntive, le aziende dovrebbero valutare attentamente fattori quali semplicità di attivazione, semplicità di integrazione e complessità gestionale continua di più modalità di pagamento.

Rapidità e semplicità di attivazione

Quella dell’aggiunta delle modalità di pagamento è una procedura noiosa e complessa che impone alle aziende di stabilire un rapporto sia contrattuale che operativo con il programma di pagamento scelto, un’operazione che può richiedere anche settimane. Il processo include la definizione di una “due diligence” aziendale, la revisione delle specifiche tecniche, la negoziazione di condizioni commerciali e di pagamento, solo per citare alcuni esempi. Stripe punta a semplificare drasticamente questa fase, in modo che le aziende possano aggiungere e adattare rapidamente il supporto di nuove modalità di pagamento, senza dover intraprendere ogni volta una nuova e complessa procedura. Per gli utenti attivi, la procedura di attivazione di Stripe richiede solo di accedere alla Dashboard per attivare le modalità di pagamento desiderate. In questo modo si evita di doversi sobbarcare singoli processi di attivazione, lunghe attese per le procedure di sottoscrizione e tediose trattative contrattuali. Ciò consente alle organizzazioni di gestire con maggiore efficienza le risorse di sviluppo software e aziendali. Un’attivazione semplificata risulta particolarmente vantaggiosa per le piattaforme e i marketplace che puntano a offrire ai loro “utenti” più modalità di pagamento tra cui scegliere: ogni utente potrà beneficiare della stessa modalità di attivazione semplificata.

Il modo più semplice per integrare una nuova modalità di pagamento

Il supporto di modalità di pagamento aggiuntive è caratterizzato da una serie di rischi e complessità a livello di integrazione tecnica, in particolare nel caso in cui ogni modalità di pagamento richieda l’integrazione di una nuova API o di un nuovo fornitore di servizi di pagamento. Per ridurre i rischi e le complessità dell’integrazione tecnica, l’API Sources di Stripe supporta l’accettazione di qualsiasi modalità di pagamento, sia tramite carte che senza, utilizzando un’unica API. Ciò consente alle aziende di crescere ed evolversi rispetto a un framework unificato e di integrare con facilità tutte le modalità di pagamento necessarie in base alle esigenze. L’unico sforzo richiesto per aggiungere una nuova modalità di pagamento consiste in limitate variazioni di codice, talvolta ridotte addirittura a un’unica riga. L’integrazione richiesta alle aziende sarà pertanto semplice ed essenziale, richiederà tempi di sviluppo minimi e potrà essere gestita con la massima facilità, a prescindere da quali modalità di pagamento verranno implementate.

Monitoraggio, reportistica e pagamenti unificati, per tutte le modalità di pagamento

I pagamenti effettuati mediante qualsiasi modalità di pagamento utilizzando l’API Sources, inclusi quelli tramite carte, verranno visualizzati in modo uniforme nella Dashboard di Stripe, riducendo sensibilmente le complessità a livello gestionale e consentendo una più agevole riconciliazione delle spese. Questo permette alle aziende di sviluppare procedure standardizzate per le operazioni più comuni, come evasione degli ordini, assistenza ai clienti e rimborsi. Tutte le modalità di pagamento sono supportate anche dagli altri prodotti Stripe, consentendo alle aziende di offrire ai propri clienti servizi in abbonamento o l’accesso alla piattaforma Connect. Con Stripe Connect in particolare, la possibilità di gestire l’accesso a più modalità di pagamento per ciascuno dei membri del marketplace, tenendo sotto controllo la loro esperienza di attivazione, è per le piattaforme un vantaggio chiave. Infine, dal momento che con Stripe non è più necessario trattare con ogni singolo fornitore di servizi di pagamento, le aziende possono contare su un unico punto di riferimento in termini di escalation e responsabilità per casi quali contestazioni o altre controversie che potrebbero dover essere risolte quando si lavora con modalità di pagamento di ogni parte del mondo.

Modalità di pagamento

Bonifici ACH

L’Automated Clearing House (ACH) è una rete di trasferimento di fondi elettronico utilizzata negli Stati Uniti che permette ai propri clienti di trasferire denaro dal loro conto bancario a un conto domiciliato negli USA. Per riscuotere un pagamento mediante bonifico ACH, le aziende devono fornire un numero di conto e di instradamento ai loro clienti, che dispongono l’ordine di pagamento dal proprio conto bancario.

Le transazioni mediante bonifico ACH sono irrevocabili ed economiche, quindi ideali per le aziende che desiderano evitare contestazioni di pagamenti o commissioni elevate. Per questo motivo, i bonifici ACH sono molto utilizzati nelle transazioni tra imprese e nelle transazioni dal valore superiore alla media tra aziende e consumatori. Da settembre 2016, la rete ACH ha introdotto i bonifici ACH in giornata, velocizzando il trasferimento dei fondi dagli account dei clienti: i pagamenti vengono liquidati due volte al giorno e possono essere ricevuti in giornata dalla banca dell’azienda.

  • Area geografica del cliente
    • USA
  • Modalità di pagamento
    • Bonifico bancario
  • Completamento del pagamento
    • Avviato dall’azienda
  • Valuta di presentazione
    • USD
  • Conferma del pagamento
    • 2-3 giorni lavorativi
  • Contestazioni
    • No
  • Rimborsi/rimborsi parziali
    • Sì/Sì
  • Pagamenti ricorrenti
    • Richiesto intervento del cliente
  • Supportato da Stripe

Addebiti ACH

I pagamenti mediante addebito diretto tramite la rete ACH (Automated Clearing House), o addebiti ACH, consentono alle aziende di recuperare i fondi dai propri clienti negli Stati Uniti che forniscono i loro dati bancari e l’autorizzazione all’addebito. La conferma dei pagamenti mediante addebito ACH non è immediata e può richiedere fino a 5 giorni lavorativi.

Gli addebiti ACH possono non andare a buon fine o essere contestati dai clienti dopo l’avvio o il completamento del pagamento. Le aziende dovrebbero valutare con attenzione l’accettazione di pagamenti tramite addebito ACH. Gli abbonamenti a servizi SaaS (Software-as-a-service) o le donazioni periodiche a organizzazioni no-profit sono esempi di modelli aziendali adatti per gli addebiti ACH. I rischi generalmente associati agli addebiti ACH possono essere mitigati affidandosi a servizi di terzi per la verifica della legittima proprietà delle credenziali bancarie.

  • Area geografica del cliente
    • USA
  • Modalità di pagamento
    • Addebito su conto bancario
  • Completamento del pagamento
    • Avviato dall’azienda
  • Valuta di presentazione
    • USD
  • Conferma del pagamento
    • 5 giorni lavorativi
  • Contestazioni
  • Rimborsi/rimborsi parziali
    • Sì/Sì
  • Pagamenti ricorrenti
  • Supportato da Stripe
  • Modalità di pagamento simili

Alipay

Alipay è un wallet digitale molto popolare in Cina, gestito da ANT Financial Services Group, un fornitore di servizi finanziari affiliato ad Alibaba. Lanciato nel 2004, Alipay conta attualmente più di 450 milioni di utenti attivi. Le aziende che puntano ad abbracciare il sempre più attivo pubblico cinese che effettua transazioni online sia dalla Cina che da altri paesi del mondo dovrebbero prendere in considerazione il supporto di Alipay.

I consumatori cinesi che usano Alipay effettuano la maggior parte delle loro transazioni su piattaforme di e-commerce, viaggi, formazione online, giochi online e alimenti/nutrizione. I titolari di wallet Alipay possono pagare via web o da dispositivo mobile utilizzando le loro credenziali di accesso o la loro app Alipay. Un altro vantaggio di Alipay consiste nel ridotto rischio di frodi: i pagamenti vengono autenticati mediante le credenziali di accesso del cliente e i tassi di contestazione sono molto bassi.

  • Area geografica del cliente
    • Cina
  • Modalità di pagamento
    • Wallet digitale
  • Completamento del pagamento
    • Autenticato dal cliente
  • Valute di presentazione
    • USD, EUR, GBP, CAD, AUD, SGD, HKD, JPY, NZD
  • Conferma di pagamento
    • Immediata
  • Contestazioni
  • Rimborsi/rimborsi parziali
    • Sì/Sì
  • Pagamenti ricorrenti
  • Supportato da Stripe
  • Modalità di pagamento simili

Apple Pay

Apple Pay è un wallet digitale che consente ai clienti di pagare utilizzando dati di pagamento memorizzati nel loro iPhone, iPad o Apple Watch. Lanciato nel 2014, Apple Pay consente agli utenti di memorizzare dati di carte di credito o di debito da utilizzare per effettuare pagamenti nelle app mobili iOS. Nel 2016, Apple ha esteso il supporto di Apple Pay per includere pagamenti via web su Safari da iPhone, iPad o Mac OS.

Per effettuare un pagamento online, i clienti devono selezionare Apple Pay come modalità di pagamento e autorizzare la transazione tramite Touch ID, PIN o codice di accesso. Oltre alle informazioni di pagamento, i clienti possono anche memorizzare il loro indirizzo di fatturazione e spedizione, e-mail e numero telefonico. Fornendo automaticamente informazioni sul cliente al momento del pagamento, Apple Pay consente di ridurre i punti di attrito in fase di checkout e di incrementare sensibilmente le conversioni per le aziende che gestiscono transazioni da un’app mobile iOS o da un sito web che viene visitato utilizzando Safari.

  • Area geografica del cliente
    • Dove è supportato Apple Pay
  • Modalità di pagamento
    • Wallet digitale
  • Completamento del pagamento
    • Autenticato dal cliente
  • Valute di presentazione
    • USD, GBP, EUR, AUD, CHF, HKD, SGD
  • Conferma di pagamento
    • Immediata
  • Contestazioni
  • Rimborsi/rimborsi parziali
    • Sì/Sì
  • Pagamenti ricorrenti
  • Supportato da Stripe
  • Modalità di pagamento simili

Bancontact

Bancontact, nato nel 1979 e precedentemente conosciuto come Bancontact/Mr Cash, è uno dei sistemi di pagamento più diffusi in Belgio, dove è utilizzato per un terzo delle transazioni online. I pagamenti Bancontact vengono autenticati dai clienti e immediatamente confermati alle aziende. Il pagamento mediante Bancontact è offerto da più dell’80% delle aziende online del Belgio e nel 2015 il sistema ha elaborato oltre 27 milioni di pagamenti.

Nel 2014, Bancontact ha introdotto un’applicazione mobile per semplificare l’esperienza di pagamento. Utilizzando l’app, i clienti possono identificarsi eseguendo la scansione di un codice QR presentato al momento del pagamento. Ogni transazione viene quindi confermata con un PIN. L’app ha riscosso un notevole successo ed è utilizzata per più del 50% delle transazioni su desktop e del 90% di quelle su dispositivo mobile o tablet. Bancontact è un’opzione di checkout ideale per le piattaforme di e-commerce e dell’economia on-demand.

Anche se le informazioni di pagamento di Bancontact possono essere usate una sola volta, le aziende possono recuperare da ogni transazione i dati bancari del cliente, per poi abilitare i successivi pagamenti mediante addebito SEPA, una volta ottenuta la necessaria autorizzazione.

  • Area geografica del cliente
    • Belgio
  • Modalità di pagamento
    • Addebito bancario autenticato
  • Completamento del pagamento
    • Autenticato dal cliente
  • Valuta di presentazione
    • EUR
  • Conferma del pagamento
    • Immediata
  • Contestazioni
    • No
  • Rimborsi/rimborsi parziali
    • Sì/Sì
  • Pagamenti ricorrenti
    • Richiesto l’intervento del cliente o mediante addebito SEPA
  • Supportato da Stripe
  • Modalità di pagamento simili

Carte

Le carte (di credito e di debito - Visa, Mastercard, American Express, Discover, Diners Club, JCB) sono tra le modalità di pagamento più diffuse a livello globale. Le carte di credito vengono rilasciate dalle banche e consentono ai clienti di ottenere denaro in prestito con la promessa di restituirlo entro un periodo di tolleranza senza pagare commissioni extra. I consumatori possono continuare ad accumulare debito, al quale possono essere applicati degli interessi. Le carte di debito offrono la praticità dei pagamenti tramite carta, ma sono direttamente collegate a un conto bancario, dal quale vengono attinti i fondi al momento del pagamento.

Visa e Mastercard sono i più importanti circuiti di carte di pagamento a livello mondiale. Entrambi funzionano esclusivamente come sistemi di elaborazione dei pagamenti e non rilasciano carte direttamente ai consumatori. Consentono invece a banche e istituti finanziari di distribuire carte con il loro brand. Anche American Express è un sistema di elaborazione dei pagamenti che, a differenza di Visa e Mastercard, rilascia le proprie carte direttamente ai consumatori. Le carte American Express sono generalmente destinate ad acquirenti ad alto valore, in quanto la spesa media dei titolari è superiore a quella dei titolari di carte Visa o Mastercard.

  • Area geografica del cliente
    • Globale
  • Modalità di pagamento
    • Carta
  • Completamento del pagamento
    • Avviato dall’azienda
  • Valuta di presentazione
    • Più di 135 valute
  • Conferma del pagamento
    • Immediata
  • Contestazioni
  • Rimborsi/rimborsi parziali
    • Sì/Sì
  • Pagamenti ricorrenti
  • Supportato da Stripe

EPS

EPS è un metodo di pagamento tramite bonifico online austriaco con una quota di mercato pari a circa il 18%. Viene accettato da circa l’80% delle attività online in Austria ed è stato sviluppato in modo congiunto dal governo e dalle banche austriache. Il flusso di pagamento è molto simile a quello di iDEAL o Giropay.

Al completamento della transazione, il cliente sceglie EPS, seleziona il nome della sua banca e accede al proprio spazio sulla banca online. Si procede al controllo dei dati di pagamento precompilati e il pagamento viene autorizzato. Questo sistema fornisce una garanzia di pagamento per le aziende.

  • Aree geografiche del cliente
    • Austria
  • Modalità di pagamento
    • Addebito bancario autenticato
  • Completamento del pagamento
    • Autenticato dal cliente
  • Valuta di presentazione
    • EUR
  • Conferma del pagamento
    • Immediata
  • Contestazioni
    • No
  • Rimborsi/rimborsi parziali
    • Sì/Sì
  • Pagamenti ricorrenti
    • No
  • Documentazione Technica
  • Modalità di pagamento simili

Giropay

Giropay è un sistema di pagamento tedesco basato sull’online banking e introdotto nel 2006. Consente ai clienti della maggior parte delle casse di risparmio (Sparkassen) e banche cooperative tedesche di effettuare transazioni online utilizzando l’ambiente di online banking e addebitando i fondi direttamente sui conti bancari. In base al tipo di banca, i clienti confermano i pagamenti su Giropay utilizzando un sistema di autenticazione a due fattori o un PIN. I pagamenti vengono immediatamente confermati alle aziende e sono irrevocabili.

I pagamenti tramite Giropay vengono utilizzati solo per meno del 10% delle transazioni online in Germania e sono adatti a modelli aziendali che richiedono la garanzia della disponibilità dei fondi.

  • Area geografica del cliente
    • Germania
  • Modalità di pagamento
    • Addebito bancario autenticato
  • Completamento del pagamento
    • Autenticato dal cliente
  • Valuta di presentazione
    • EUR
  • Conferma del pagamento
    • Immediata
  • Contestazioni
    • No
  • Rimborsi/rimborsi parziali
    • Sì/Sì
  • Pagamenti ricorrenti
    • No
  • Supportato da Stripe
  • Modalità di pagamento simili

Google Pay

Google Pay è un portafoglio elettronico lanciato nel 2015 che consente ai clienti di pagare con qualsiasi modalità di pagamento salvata nell’account Google personale. Google Pay non consente di tenere un conto, ma piuttosto di archiviare modalità di pagamento nell’account Google e utilizzarli per effettuare pagamenti online. Così evita agli utenti di dover ricordare e inserire manualmente i dati di pagamento.

Google Pay può essere utilizzato per pagare nelle applicazioni native Android e sul web (su tutti i dispositivi mobili e desktop). Per effettuare un pagamento online, i clienti selezionano Google Pay come modalità di pagamento e scelgono le credenziali di pagamento che desiderano utilizzare. Queste includono carte di credito e di debito che il cliente può avere utilizzato in qualsiasi applicazione Google, come Chrome, YouTube o Play Store.

Oltre ai dati di pagamento, un’azienda può richiedere al cliente l’indirizzo di fatturazione e di spedizione e informazioni di contatto. La compatibilità con Google Pay riduce i punti di attrito della procedura di completamento del pagamento e aumenta le conversioni per le aziende.

  • Area geografica del cliente
    • Dove è supportato Google Pay
  • Modalità di pagamento
    • Wallet digitale
  • Completamento del pagamento
    • Autenticato dal cliente
  • Valuta di presentazione
    • USD, GBP, EUR, AUD, HKD, SGD, NZD
  • Conferma del pagamento
    • Immediata
  • Contestazioni
  • Rimborsi/rimborsi parziali
    • Sì/Sì
  • Pagamenti ricorrenti
  • Supportato da Stripe
  • Modalità di pagamento simili

iDEAL

iDEAL è una modalità di pagamento utilizzata nei Paesi Bassi che consente ai clienti di effettuare transazioni online utilizzando le proprie credenziali bancarie. Tutte le principali banche olandesi fanno parte del consorzio Currence, il fornitore di servizi di pagamento che gestisce iDEAL, la modalità di pagamento online più popolare del paese, utilizzata per quasi il 55% delle transazioni online.

Per pagare con iDEAL, i clienti vengono reindirizzati al loro ambiente di online banking, dove possono autenticare il pagamento utilizzando un sistema a due fattori. L’esperienza di checkout si diversifica da banca a banca. Nonostante il flusso di pagamento di iDEAL possa apparire complicato ad alcune aziende che lo provano, è stato perfettamente compreso e apprezzato dai clienti olandesi. I pagamenti sono irrevocabili e immediatamente confermati, due solide promesse di valore di iDEAL per le aziende.

Anche se le informazioni di pagamento di iDEAL possono essere usate una sola volta, le aziende possono recuperare da ogni transazione i dati bancari del cliente, per poi abilitare i successivi pagamenti mediante addebito SEPA, una volta ottenuta la necessaria autorizzazione.

  • Area geografica del cliente
    • Paesi Bassi
  • Modalità di pagamento
    • Addebito bancario autenticato
  • Completamento del pagamento
    • Autenticato dal cliente
  • Valuta di presentazione
    • EUR
  • Conferma del pagamento
    • Immediata
  • Contestazioni
    • No
  • Rimborsi/rimborsi parziali
    • Sì/Sì
  • Pagamenti ricorrenti
    • Richiesto l’intervento del cliente o mediante addebito SEPA
  • Supportato da Stripe
  • Modalità di pagamento simili

Klarna

Klarna offre opzioni flessibili di pagamento che consentono ai clienti una maggiore libertà di scegliere quando e come pagare un acquisto. Le aziende vengono pagate in anticipo e sono tutelate contro le frodi e i rischi di mancato pagamento dei clienti.

Attualmente, Stripe supporta tre diverse opzioni di pagamento Klarna: Pay Later (Paga dopo) per i pagamenti differiti, Pay Now (Paga ora) per l’utilizzo delle credenziali di pagamento salvate e Slice It (Paga a rate) per i pagamenti rateali.

Klarna offre molteplici opzioni di pagamento che assicurano ai clienti una maggiore flessibilità sui tempi di pagamento per un acquisto. Se un cliente sceglie di utilizzare Klarna per pagare un acquisto, le aziende vengono immediatamente pagate da Klarna e Klarna si assume il rischio del rimborso.

Sono previste tre diverse modalità per pagare una transazione con Klarna: Pay Later (Paga dopo), Pay Now (Paga ora) e Slice It (Paga a rate). Le aziende possono scegliere di offrire ai clienti una, due o tutte e tre le opzioni.

Pay Later (Paga dopo) consente a un cliente di completare immediatamente una transazione e di pagare l’intero importo in un secondo momento, generalmente entro 14-30 giorni. Se viene selezionato Pay Later (Paga dopo), Klarna utilizza i dettagli forniti durante il completamento della transazione per eseguire un immediato controllo del credito. Ad alcuni clienti potrebbe essere richiesto di inserire ulteriori dettagli, come una data di nascita, per completare il controllo del credito. Se la transazione viene approvata, Klarna paga immediatamente l’azienda e si assume l’onere di riscuotere il pagamento dal cliente, generalmente emettendo fatture dirette al cliente.

Pay Now (Paga ora) consente a un cliente di pagare immediatamente una transazione utilizzando le credenziali di pagamento salvate in un portafoglio digitale. Le modalità di pagamento supportate includono carte di credito, bonifici o addebiti bancari. Ai nuovi utenti di Klarna verrà richiesto di immettere le credenziali di pagamento per l’autenticazione immediata da parte di Klarna. Gli utenti esistenti di Klarna possono utilizzare le credenziali precedentemente salvate.

Slice It (Paga a rate) è un’opzione di pagamento rateale che consente ai clienti di pagare i propri acquisti nel tempo. I clienti che selezionano Slice It (Paga a rate) possono scegliere tra una serie di piani rateali offerti da Klarna (ad esempio, pagamento nell’arco di sei mesi o più rapido per evitare gli interessi). Successivamente, Klarna raccoglie informazioni aggiuntive per un immediato controllo del credito e decide in merito all’approvazione. Se la transazione viene approvata, Klarna paga immediatamente l’azienda e si assume l’onere di riscossione dei pagamenti rateali dal cliente. Per ciascuna di queste modalità di pagamento, Klarna offre la possibilità di scegliere tra pagamenti in linea (il flusso di accesso e autenticazione di Klarna viene presentato in un widget sul tuo sito web) o pagine di pagamento in hosting (i clienti vengono reindirizzati al sito Klarna per confermare i dettagli del pagamento prima di tornare al tuo sito web). Una volta che il pagamento è confermato, il cliente viene riportato al flusso di completamento della transazione.

  • Indicazioni geografiche del soggetto che effettua il pagamento
    • Austria, Danimarca, Finlandia, Germania, Norvegia, Svezia, Paesi Bassi, Regno Unito, Stati Uniti
  • Conferma di pagamento
    • Immediata per Pay Now (Paga ora). Nella maggior parte dei Paesi, anche per Pay Later (Paga dopo) e Slice It (Paga a rate) è immediata. Negli Stati Uniti e nel Regno Unito, una conferma di credito temporanea viene emessa e confermata entro cinque giorni lavorativi.
  • Contestazioni
    • Sì, per contestazioni non dovute a frode
  • Rimborsi/rimborsi parziali
    • Sì/Sì
  • Pagamenti ricorrenti
    • No
  • Modalità di pagamento simili
    • Nessuna

Multibanco

Multibanco è una rete interbancaria portoghese di proprietà e gestita da Sociedade Interbancária de Serviços S.A. (SIBS), che collega gli sportelli Bancomat di 27 banche in Portogallo. Agli inizi della sua attività, nel 1985, Multibanco permetteva ai clienti di effettuare pagamenti tramite i suoi sportelli Bancomat. Ora i clienti possono pagare sia presso uno sportello che tramite il servizio di banca online.

Per poter elaborare un pagamento, l’azienda mette a disposizione del cliente una pagina contenente il Numero del soggetto, il Riferimento, l’Importo e un pulsante mediante il quale tornare al sito dell’azienda. Il cliente, quindi, effettua un pagamento con questi dati separatamente mediante il servizio di banca online con i propri dati Multibanco o da uno sportello Bancomat.

Multibanco è un metodo di tipo push-based (poiché è il cliente a inviare i fondi) e sincrono, in quanto gli addebiti effettuati tramite le fonti Multibanco addebitabili dovrebbero avvenire immediatamente. Tuttavia, le fonti Multibanco rimarranno in sospeso fino a quando Stripe non avrà ricevuto i fondi. In alcuni casi, questa operazione potrebbe richiedere alcuni giorni, in base a come e dove il cliente ha scelto di completare la transazione.

  • Aree geografiche del cliente
    • Portogallo
  • Modalità di pagamento
    • Bonifico bancario
  • Completamento del pagamento
    • Posto in essere dal cliente
  • Valuta di presentazione
    • EUR
  • Conferma del pagamento
    • Immediata
  • Contestazioni
    • No
  • Rimborsi/rimborsi parziali
    • Sì/Sì
  • Pagamenti ricorrenti
    • No
  • Documentazione Technica
  • Modalità di pagamento simili

Przelewy24

Przelewy24 (P24) è un metodo di pagamento polacco che semplifica il trasferimento di fondi tra le società e tutte le principali banche polacche. Przelewy24 permette ai consumatori di effettuare pagamenti per le transazioni online usando bonifici online diretti dal loro conto bancario.

Per poter pagare con Przelewy24, i clienti vengono reindirizzati a un ambiente online in cui devono autenticare il pagamento effettuando l’accesso al sito della loro banca. Per la maggior parte delle banche, i dettagli relativi alla destinazione (conto bancario di Przelewy24) vengono precompilati, mentre in altri casi è il consumatore stesso a dover inserire i dati manualmente. Una volta effettuata correttamente l’autenticazione, i fondi sono garantiti. Un rimborso posto in essere da una società è l’unico meccanismo disponibile per annullare il trasferimento di fondi.

  • Aree geografiche del cliente
    • Polonia
  • Modalità di pagamento
    • Addebito bancario autenticato
  • Completamento del pagamento
    • Autenticato dal cliente
  • Valuta di presentazione
    • PLN
  • Conferma del pagamento
    • Immediata
  • Contestazioni
    • No
  • Rimborsi/rimborsi parziali
    • Sì/Sì
  • Pagamenti ricorrenti
    • No
  • Documentazione Technica
  • Modalità di pagamento simili

Addebito SEPA

L’area unica dei pagamenti in euro o SEPA è un’iniziativa dell’Unione Europea finalizzata a semplificare i pagamenti all’interno e tra i paesi membri. Sono stati stabiliti e applicati degli standard bancari per consentire l’addebito diretto di qualsiasi conto bancario denominato in euro all’interno dell’area SEPA.

Per addebitare un conto, le aziende devono acquisire il nome del cliente e il numero del suo conto bancario nel formato IBAN. Per confermare il pagamento, i clienti devono accettare un mandato che autorizza l’azienda ad addebitare il loro conto. Stripe è in grado di generare tale mandato da presentare ai clienti delle aziende.

I clienti possono contestare una transazione con addebito SEPA entro 8 settimane in modo incondizionato: i fondi vengono automaticamente rimborsati. Oltre tale limite, e per i successivi undici mesi, i clienti possono ancora contestare le transazioni non supportate da un mandato propriamente autorizzato. Durante tale periodo, la procedura di arbitrato coinvolge sia la banca del creditore (azienda) che il cliente (debitore). Trascorsi 13 mesi, non è più possibile contestare i pagamenti.

L’addebito SEPA è una modalità di pagamento fondamentale per qualunque azienda interessata alla fatturazione ricorrente.

  • Aree geografiche del cliente
    • Francia, Germania, Spagna, Belgio, Paesi Bassi, Lussemburgo, Italia, Portogallo, Austria, Irlanda
  • Modalità di pagamento
    • Addebito bancario
  • Completamento del pagamento
    • Avviato dal cliente
  • Valuta di presentazione
    • EUR
  • Conferma del pagamento
    • 6 giorni lavorativi
  • Contestazioni
  • Rimborsi/rimborsi parziali
    • Sì/Sì
  • Pagamenti ricorrenti
  • Supportato da Stripe
  • Modalità di pagamento simili

SOFORT

SOFORT è una modalità di pagamento basata sul bonifico bancario, molto utilizzata in Germania e in Austria. Per pagare mediante SOFORT, i clienti vengono reindirizzati al sito di SOFORT, dove inseriscono le credenziali di accesso al loro conto bancario. Una volta effettuata l’autenticazione, SOFORT dispone un bonifico dal conto bancario del cliente.

Un aspetto importante da tenere presente è che l’autorizzazione indica un’elevata probabilità di pagamento, ma non garantisce i fondi all’azienda fino al momento del ricevimento, che in genere avviene dopo 2 giorni lavorativi, ma che può richiederne fino a 14. Una volta ricevuti, i fondi non possono essere restituiti, tranne che mediante rimborso avviato dall’azienda. Nella vendita di articoli di scarso valore o dal margine elevato, in genere le aziende considerano ufficiale l’autorizzazione iniziale e non aspettano di ricevere i fondi per consegnare la merce.

  • Area geografica del cliente
    • Germania, Austria
  • Modalità di pagamento
    • Bonifico bancario
  • Valuta di presentazione
    • EUR
  • Completamento del pagamento
    • Autenticato dal cliente
  • Conferma del pagamento
    • Conferma immediata indicativa; conferma definitiva in genere dopo 2, ma anche fino a 14 giorni lavorativi
  • Contestazioni
    • No
  • Rimborsi/rimborsi parziali
    • Sì/Sì
  • Pagamenti ricorrenti
    • No
  • Supportato da Stripe

WeChat Pay

Quale azienda Internet più importante della Cina, Tencent offre una serie di prodotti web e mobili per i social network, le comunicazioni, il settore multimediale, i giochi, la finanza e altro. WeChat, di proprietà di Tencent, è la principale app per dispositivi mobili della Cina, con oltre 1 miliardo di utenti mensili attivi.

WeChat è una “super app” molto alla moda, usata per scambiare messaggi e mettere in contatto persone, servizi e aziende, sia in Cina che nel resto del mondo, mediante una serie di funzionalità social e di e-commerce integrate nell’app. WeChat Pay, il wallet digitale integrato in WeChat, conta più di 800 milioni di utenti.

I consumatori cinesi possono usare WeChat Pay per acquistare beni e servizi all’interno di app aziendali o sui siti web delle aziende. I settori in cui gli utenti di WeChat Pay effettuano prevalentemente i loro acquisti sono giochi, e-commerce, viaggi, istruzione online e alimenti/nutrizione.

  • Area geografica del cliente
    • Cina
  • Modalità di pagamento
    • Wallet digitale
  • Completamento del pagamento
    • Autenticato dal cliente
  • Valute di presentazione
    • GBP, HKD, USD, JPY, CAD, AUD, EUR, SGD
  • Conferma del pagamento
    • Immediata
  • Contestazioni
  • Rimborsi/rimborsi parziali
    • Sì/Sì
  • Pagamenti ricorrenti
    • No
  • Modalità di pagamento simili
  • Supportato da Stripe

Disponibilità

Al momento, Stripe supporta le modalità di pagamento più diffuse negli Stati Uniti, in Europa e in Asia. Stripe continuerà a valutare modalità di pagamento utilizzate a livello locale e supporterà quelle che possono sensibilmente incrementare i tassi di conversione dei propri utenti nel tempo.

Country of business:
USA
Europa
Resto del mondo
ACH credit
No
No
ACH debit
No
No
Alipay
Apple Pay
Bancontact
No
Credit cards
EPS
No
Giropay
No
Google Pay
iDEAL
No
Klarna
Beta privata
Beta privata
No
Multibanco
No
No
SEPA Direct Debit
No
SOFORT
No
P24
No
WeChat Pay
  • Disponibile
  • Beta privata
  • Non disponibile
Back to payments
You’re viewing our website for Singapore, but it looks like you’re in the United States. Switch to the United States site